giovedì, 21 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Asili nido, oggi comincia il...

Asili nido, oggi comincia il percorso per 1.427 (piccoli) nuovi fiorentini

Questo settembre vede l’ingresso nei nidi comunali di 1.427 nuovi iscritti, a fronte di 1.021 confermati, con una lista di attesa di circa 800 piccoli, rispetto ai 1.300 dello stesso periodo dello scorso anno.

-

Comincia oggi l’anno educativo per 2.448 bambini fra i 3 mesi e i 36 mesi che frequenteranno gli asili nido e i centri gioco a Firenze. 

 

IL NUOVO ANNO. In totale si tratta di 66 strutture, di cui 34 a gestione diretta, 19 convenzionate e 14 in appalto a soggetti del privato sociale, a cui si sommano 3 servizi domiciliari in convenzione “A casa dell’educatore”. Nel complesso l’anno 2012/2013 vede l’ingresso nei nidi comunali di 1.427 bambini nuovi iscritti, a fronte di 1.021 confermati, con una lista di attesa di circa 800 piccoli, rispetto ai 1.300 dello stesso periodo dello scorso anno. Fra i piccoli frequentanti vi saranno anche 38 bambini diversamente abili, per cui è previsto un sostegno individualizzato.

L’INVESTIMENTO SUI BAMBINI. “L’Amministrazione comunale – spiega l’assessore all’educazione Rosa Maria Di Giorgi – investirà nel servizio circa 24 milioni e mezzo di euro, a fronte di 5,1 milioni di entrate (nello specifico 4,3 milioni vengono coperti con le rette dalle famiglie e 700 mila euro arrivano dai contributi regionali) pari a una copertura del 20% della spesa totale. Rispetto allo scorso anno, abbiamo inserito 15 bambini in più e assunto 5 nuovi educatori per garantire il regolare svolgimento del servizio. Le tariffe sono rimaste invariate ormai dal 2010 e sono strutturate, secondo uno scaglionamento per fasce Isee, in modo da tutelare i nuclei familiari con redditi più bassi, con particolari agevolazioni per le famiglie numerose”. 

CALO DELLE ISCRIZIONI. Dal 10 settembre partiranno gli inserimenti progressivi nelle sezioni miste. “Quest’anno – prosegue l’assessore Di Giorgi – abbiamo registrato un calo nelle iscrizioni di circa 280 unità, rispetto allo scorso anno. Un sintomo, probabilmente, della crisi che colpisce molte famiglie, infatti abbiamo registrato anche un aumento che potenzialmente oscilla fra il 10 e il 15% delle dichiarazioni Isee presentate. Questo vuol dire che più nuclei familiari hanno visto i loro redditi diminuire, attestandosi al di sotto dei 32.500 euro, che è la fascia Isee massima per usufruire delle riduzioni tariffarie.

LISTE D’ATTESA E NUOVI ASILI. La lista di attesa è di circa 800 bambini, nettamente inferiore a quella dell’anno passato, e contiamo che, al netto delle rinunce, dovrebbe attestarsi intorno ai 3-400 piccoli. Il nostro obiettivo è quello di azzerare la lista di attesa entro il 2014, grazie all’apertura di nuovi nidi comunali e aziendali”. Fra i nidi in fase di realizzazione o già progettati, ci sono inoltre quelli comunali di Santa Maria a Coverciano, di San Salvi e di Palazzo Vecchio, oltre a quello dell’ex Mayer per i dipendenti dell’amministrazione, mentre fra le strutture aziendali vi sono quelli dell’Azienda ospedaliera di Careggi e della Regione Toscana.

Ultime notizie

Posso tornare a casa dopo le 22? Le regole del Dpcm per il rientro nell’abitazione

Quando è consentito il rientro alla propria abitazione durante il coprifuoco: dopo una cena da amici si può tornare a casa, anche se sono passate le 22 o si rischia una multa?

Decreto ristori 5: quando esce il testo e quando arriva in Gazzetta Ufficiale

Dal bonus per lo sport al superamento dei codici Ateco per il contributo a fondo perduto: quando esce il testo del decreto ristori 5, il primo (e forse l'unico) provvedimento economico Covid che arriva nel 2021

Zona arancione e rossa, visite ai congiunti: si può andare fuori comune?

Si possono vedere i congiunti che abitano in Comuni diversi, se ci si trova in zona arancione o rossa? Le regole per gli spostamenti e le deroghe introdotte dal decreto Covid di gennaio 2021

Toscana, zona gialla fino a quando: rischio arancione nel weekend?

Fino a quando i dati sui contagi saranno sotto controllo, la Toscana resterà in zona gialla e non passerà in arancione: la conferma o meno del colore arriverà alle porte del fine settimana