Consumate fruti di bosco surgelati solo dopo averli bolliti

Frutti di bosco surgelati sì, ma solo se bolliti. È la raccomandazione della Asl.

L’ALLARME. La circolare ministeriale – spiegano dall’Azienda sanitaria di Firenze – parla chiaro: “Seppure vi sia stata una lieve diminuzione delle segnalazioni rispetto al picco osservato nei periodi di aprile-maggio, l’incidenza rimane ben oltre l’atteso”. L’allarme è per i frutti di bosco congelati o surgelati, più esattamente per i rischi di contrarre l’epatite A consumando frutti di bosco surgelati senza le dovute precauzioni.

L’EPIDEMIA. L’epidemia – spiega ancora la Asl – si era diffusa nei mesi scorsi in diversi paesi dell’Unione Europea ed aveva avuto un certo rilievo anche sulla stampa locale. L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha avviato una serie di iniziative per contrastare il fenomeno coinvolgendo le strutture che nelle Aziende sanitarie provvedono alla sicurezza alimentare: dai controlli per ricostruire la provenienza dei prodotti che hanno veicolato il virus all’esatta definizione del quadro fino alla sensibilizzazione dei consumatori riguardo le precauzioni da adottare per scongiurare i pericoli di contagio.

LE SEGNALAZIONI. Le segnalazioni di epatite A in Italia fra il 23 maggio e il 30 settembre 2013 sono state 640, di cui 219 – dice la Asl – certamente riferibili al consumo di frutti di bosco. In Toscana 59, di cui 29 attinenti a ribes, mirtilli e lamponi. A livello locale le segnalazioni riferibili a consumo di frutti di bosco sono state quattro, di cui solo per una è stato dimostrata la presenza del virus nei mirtilli abitualmente consumati.

LA RACCOMANDAZIONE. Intanto proseguono le analisi sui frutti, esaminati per lotti, cercando di tracciare in quale punto della filiera di distribuzione potrebbe essere avvenuta la contaminazione. “Tutti i lotti risultati positivi sono stati sottratti al mercato a tutela dei consumatori – spiegano dalla Asl fiorentina – ma non è escluso siano ancora in commercio altri prodotti congelati/surgelati di pari specie, ma diversi da quelli che hanno fatto scattare l’allarme”. La raccomandazione dell’Unità che si occupa di sicurezza alimentare nell’Azienda sanitaria di Firenze, ribadita in questo periodo di festività, è dunque “quella di consumare frutti di bosco congelati o surgelati soltanto dopo averli cotti portandoli a bollitura a 100° per almeno due minuti. Analoga procedura va seguita anche nel caso di salse o marmellate e né queste né i frutti vanno impiegati crudi nemmeno a guarnizione di piatti come crostate, semifreddi, yogurt”.