martedì, 27 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Ataf, accordo tra azienda e...

Ataf, accordo tra azienda e sindacati

E’ stato siglato questa mattina, nella sede di Ataf in viale dei Mille, l’accordo tra azienda e sindacati dei lavoratori.Tante le novità in arrivo: gli autobus circoleranno anche a Pasqua e il Primo Maggio e saranno rivisti i tempi di percorrenza. Più attenzione a manutenzione dei mezzi e condizioni dei conducenti.

-

Ataf, c’è l’accordo. La firma è arrivata questa mattina, nella sede Ataf di viale dei Mille, a tre giorni dalla ripresa delle trattative fra i rappresentanti sindacali e il nuovo presidente di Ataf, Filippo Bonaccorsi, insediatosi alla guida dell’azienda di Tpl il 10 luglio scorso.

“ACCORDO IMPORTANTE”. “Si tratta di un accordo molto importante per l’azienda, per i lavoratori e soprattutto per la città – dice il presidente Bonaccorsi – La firma di questa mattina è il primo passo per il rilancio di Ataf: da oggi comincia un cammino nuovo che ci consentirà di dare in tempi brevi ai fiorentini il servizio di qualità che meritano. Ritrovare l’intesa con i lavoratori era il tassello indispensabile da porre per fare di Ataf l’azienda nuova che vogliamo: un’azienda efficiente che si collochi al centro del sistema della mobilità fiorentina”.

NOVITA’. L’accordo firmato questa mattina riporta un clima di serenità nelle relazioni industriali e pone fine alla serie di scioperi che si erano susseguiti negli ultimi mesi.  Da oggi Firenze si allinea agli standard delle grandi città europee: gli autobus circoleranno anche nei giorni di Pasqua e Primo Maggio; saranno rivisti i tempi di percorrenza e verrà semplificata l’organizzazione dei punti di cambio, per evitare ai passeggeri lunghe attese a bordo dei mezzi fermi;  gli oltre 400 accordi integrativi confluiranno in un Testo Unico delle normative aziendali; non è più previsto il giorno di riposo per la seconda donazione annuale del sangue, come previsto dalle normative nazionali.

SICUREZZA. Fondamentale, inoltre, il capitolo dedicato alla sicurezza: episodi recenti hanno insegnato che non è più possibile sottovalutare i rischi legati alla sicurezza del trasporto pubblico. Per questo motivo, la manutenzione dei mezzi assume un ruolo centrale nelle attività di Ataf e sarà costituita una commissione per valutare e intervenire sui fattori di stress e malattia dei conducenti. Ataf investirà con decisione sulla formazione del personale, anche in risposta alla crisi economica che sta causando licenziamenti e disoccupazione crescenti: l’azienda darà il via a corsi di formazione per i non occupati affinché possano conseguire la Carta di Qualificazione del Conducente e prospettive di inserimento in azienda. “Semplificazione dell’organizzazione interna e qualità del servizio reso agli utenti sono le parole d’ordine che legano tutti i punti dell’intesa – prosegue Filippo Bonaccorsi – ringrazio tutta la struttura aziendale per l’importante traguardo raggiunto oggi”.

Ultime notizie

Cinema chiusi per Covid, film già visto: “No al Dpcm, sì a misure locali”

Le piccole sale rischiano grosso dopo l'ennesima chiusura per l'emergenza Covid. Abbiamo sentito il presidente di Spazio Alfieri, una tra i cinema d'essai più conosciuti a Firenze

Quante persone possono partecipare ai funerali: regole del dpcm Covid

Cosa prevede il decreto anti-coronavirus del 24 ottobre in caso di funerale: quanti possono essere i partecipanti e per cosa scatta il divieto

Quante persone al ristorante? Il numero massimo previsto dal nuovo Dpcm

Il nuovo Dpcm 24 ottobre dice che possono sedere allo stesso tavolo del ristorante non più di 4 persone, con una sola eccezione: cosa cambia con le nuove regole

Nuovo Dpcm ottobre 2020: il testo in Gazzetta Ufficiale (pdf)

Chiusura delle palestre, "coprifuoco" anticipato per bar e ristoranti, semi-lockdown senza blocco degli spostamenti tra regioni: cosa prevede il testo del nuovo Dpcm di ottobre pubblicato in Gazzetta Ufficiale