mercoledì, 28 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Ataf, guerra ai biglietti falsi

Ataf, guerra ai biglietti falsi

-

Dall’intensificazione dei controlli sui titoli di viaggio che l’azienda ha immediatamente avviato, sono saltati fuori altri biglietti e abbonamenti falsi. Solo al termine delle indagini sarà possibile quantificare esattamente l’ammontare del danno economico per Ataf, ma dalle prime valutazioni si tratta di una cifra potenzialmente superiore a 200mila euro.

Fin dal primo ritrovamento di titoli falsi, oltre a sporgere denuncia alle autorità competenti, Ataf ha lavorato all’intensificazione dei controlli, ad una campagna di comunicazione che partirà domani e a contromisure per rendere non falsificabili i propri titoli di viaggio.

Attraverso la campagna di comunicazione Ataf intende raccomandare a tutti i passeggeri di acquistare i titoli di viaggio esclusivamente dai rivenditori autorizzati.

Viaggiare con un biglietto falso, acquistato incautamente, può costare infatti fino a 619 euro di multa.

L’azienda sta lavorando a nuovi titoli di viaggio tecnologici anti-truffa: a partire dall’autunno, i biglietti cartacei avranno l’ologramma anticontraffazione come le banconote; i titoli multicorsa verranno tutti dotati di microchip sul modello della Carta Agile e sarà possibile anche pagare le corse online ricevendo via sms il codice da mostrare al controllore.

Notizia precedenteFirenze capitale del baseball
Notizia successivaUna serata sulla Luna

Ultime notizie

A Brozzi le Missionarie della carità di Madre Teresa di Calcutta

Accolgono i più poveri tra i poveri, vivendo insieme a loro senza chiedere mai niente in cambio. Chi sono le suore dell’Ordine di Madre Teresa di Calcutta

Tramvia Firenze: fermate, orari, mappa linea per linea. Guida completa

Tutto quello che c'è da sapere sulla tramvia di Firenze: le linee già in funzione e quelle progettate, fermate, percorsi, orari, frequenze delle corse e regole anti-Covid

Tramvia notturna, stop agli orari lunghi nel weekend

Stop al servizio notturno fino alle 2.00, il venerdì e sabato notte: gli orari estesi vengono sospesi dopo le disposizioni del nuovo Dpcm

“Diciamo no alla chiusura delle palestre”, in 100 mila firmano la petizione

Partita la raccolta di firme per dire no alla chiusura delle palestre decisa dall'ultimo Dpcm come misura anti Covid