venerdì, 19 Agosto 2022
HomeSezioniCronaca & PoliticaBus extraurbani: i nuovi hub...

Bus extraurbani: i nuovi hub di interscambio a Firenze

Il 1° agosto e il 1° settembre entrano in funzione due nuovi hub, rispettivamente in piazza Vittorio Veneto e in piazzale Montelungo

-

Pubblicità

Novità per i bus extraurbani che collegano Firenze con il resto della Toscana: entrano in funzione due nuovi hub di interscambio, in piazza Vittorio Veneto e a piazzale Montelungo. La riorganizzazione parte a inizio agosto e a inizio settembre con i primi due step, che riguardano i collegamenti con Empolese-Valdelsa, Chianti, Mugello, Alto Mugello, Valdisieve, Valdarno Fiorentino e Valdarno Aretino. Un terzo step, più avanti, vedrà l’entrata in funzione del nodo di interscambio di Guidoni.

Nuovi hub: dove sono, quando scattano e cosa cambia per i passeggeri

Il 1° agosto e il 1° settembre vengono attivati due nuovi hub, rispettivamente in piazza Vittorio Veneto (nei pressi della fermata della linea tramviaria T1) e in piazzale Montelungo (nei pressi dell’ingresso del binario 16 della Stazione ferroviaria di Santa Maria Novella), dove arriveranno 24 linee provenenti dalla Città Metropolitana di Firenze. Questi bus extraurbani quindi non entreranno più nell’area della stazione di Santa Maria Novella (Autostazione di Santa Caterina) ma si fermeranno in zone esterne, collegate al centro da tramvia e bus urbani.

Pubblicità

I passeggeri che possiedono il biglietto o l’abbonamento extraurbano di queste linee potranno usare la tramvia o il bus urbano unicamente per la tratta necessaria a raggiungere la stazione di Santa Maria Novella o piazza San Marco. Da piazza Vittorio Veneto il biglietto o abbonamento extraurbano consentirà di viaggiare sulla tratta della tramvia Leopolda-Stazione e viceversa. Da Montelungo il biglietto o abbonamento extraurbano consentirà di utilizzare la tramvia sulla tratta Strozzi Fallaci-Fortezza-Stazione e viceversa e le linee urbane 20 e 31/32 che collegano Montelungo a piazza San Marco e viceversa (anche in questo caso esclusivamente per quella tratta).

Nuovo hub piazza Vittorio Veneto: quali sono i bus extraurbani interessati

  • Il 1° agosto viene istituito il nodo di interscambio in piazza Vittorio Veneto. Qui avranno il loro capolinea le linee extraurbane provenienti da Greve, San Casciano, Poggibonsi e Castelfiorentino:
  • 365A (GAIOLE-RADDA-GREVE-FIRENZE – Via Ferrone)
  • 368A (MONTEFIRIDOLFI-MERCATALE-SAN CASCIANO-FIRENZE)
  • 370A (POGGIBONSI-BARBERINO VAL D’ELSA-SAN DONATO-TAVARNELLE-SAN CASCIANO-FIRENZE)
  • 371A (SAN CASCIANO-SCANDICCI-FIRENZE)
  • 372A (MARCIALLA-TAVARNELLE-CERBAIA-FIRENZE)
  • 37 (CEV) – (FIRENZE-SCANDICCI-MONTESPERTOLI-CASTELFIORENTINO)

Dall’hub, come detto, i passeggeri potranno raggiungere il centro prendendo la tramvia, linea T1, dalla fermata “Porta al Prato – Leopolda”. Il biglietto/abbonamento extraurbano consentirà di viaggiare sulla tratta fino alla Stazione (Fermate Alamanni e Valfonda).

Nuovo hub di piazzale Montelungo: quando sarà attivato e le linee extrarubane coinvolte

Pubblicità

Dal 1° settembre entrerà invece in azione il nodo di piazzale Montelungo, hub di riferimento per le linee extraurbane con provenienza da e partenza per il circondario Empolese-Valdelsa, dal Chianti (Greve in Chianti, Impruneta, San Casciano, Tavarnelle), Mugello e dall’Alto Mugello, dalla Valdisieve, dal Valdarno Fiorentino ed Aretino (corse dal Casentino-Consuma) e dal Chianti (corse provenienti dalla Chiantigiana). In questo caso saranno 18 le linee extraurbane interessate dal cambiamento:

Per il Mugello

  • 301A (MONGHIDORO-BRUSCOLI-BARBERINO DI MUGELLO-FIRENZE)
  • 302A (MONGHIDORO-BARBERINO DI MUGELLO-SAN PIERO A SIEVE-VAGLIA-FIRENZE)
  • 307A (RAZZUOLO-BORGO SAN LORENZO-SAN PIERO A SIEVE-FIRENZE)
  • 319A (GREZZANO-BORGO SAN LORENZO-POLCANTO-FIRENZE)
Pubblicità

Per e da la Valdisieve

  • 322A (PASSO DEL MURAGLIONE-SAN GODENZO-RUFINA-PONTASSIEVE-FIRENZE)
  • 330A (FORNELLO-SANTA BRIGIDA-MOLINO DEL PIANO-FIRENZE)
  • 333A (MONTERIFRASSINE-MOLINO DEL PIANO-FIRENZE)
  • 343A (SALTINO-VALLOMBROSA-PONTASSIEVE-FIRENZE)
  • 345BA (PONTASSIEVE – FIRENZE)
  • 350A (RIGNANO SULL’ARNO-PONTASSIEVE-FIRENZE)
  • 357A (REGGELLO-RIGNANO SULL’ARNO-PONTASSIEVE-FIRENZE)
  • SI90 (BIBBIENA-CONSUMA-FIRENZE)

Per il Chianti/Valdarno

  • 351A (MONTEVARCHI-FIGLINE VALDARNO-INCISA VALDARNO-FIRENZE)
  • 353A (REGGELLO-FIGLINE VALDARNO-INCISA VALDARNO-FIRENZE)
  • 354A (FIGLINE VALDARNO-LUCOLENA-SAN POLO-FIRENZE)
  • 357A (REGGELLO-RIGNANO SULL’ARNO-PONTASSIEVE-FIRENZE)
  • 360A (MONTEVARCHI-INCISA VALDARNO-PONTASSIEVE-FIRENZE)
  • 365A (GAIOLE-RADDA-GREVE-FIRENZE – Via Strada in Chianti)
  • SI330 (AREZZO-MONTEVARCHI-S.GIOVANNI VALDARNO-FIGLINE VALDARNO-FIRENZE)

I capolinea di queste corse, che attualmente arrivano all’autostazione di Santa Caterina, si trasferiranno nella zona adiacente alla Fortezza e all’ingresso del binario 16 della Stazione ferroviaria di Santa Maria Novella. Da qui per raggiungere il centro i passeggeri con il biglietto/abbonamento extraurbano potranno utilizzare la tramvia sulla tratta Strozzi Fallaci-Fortezza-Stazione e viceversa, e le linee urbane 20 e 31/32 che collegano Montelungo a piazza San Marco, anche in questo caso esclusivamente per quella tratta, e viceversa.

In entrambi gli hub sarà presente un punto di assistenza e informazioni dove si potranno acquistare titoli di viaggio. Ulteriori informazioni si potranno trovare sul sito ufficiale di Autolinee Toscane.

Pubblicità

Ultime notizie