sabato, 24 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Caccia, ecco le novità

Caccia, ecco le novità

Sono tre le novità più rilevanti per la nuova stagione venatoria, e riguardano la caccia al daino, al cinghiale e alla minilepre. A illustrarle è il nuovo assessore alla caccia della Provincia di Firenze, Laura Cantini. “Dal 1° agosto i cacciatori autorizzati per i caprioli potranno abbattere anche i daini”.

-

Novità in arrivo per i cacciatori. “Sono tre le novità importanti che caratterizzano il calendario venatorio 2009/2010 e riguardano in particolare la caccia al daino, al cinghiale e alla minilepre“: è il nuovo assessore alla caccia della Provincia di Firenze, Laura Cantini, a illustrare le principali caratteristiche delle disposizioni approvate dalla Giunta provinciale in materia di attività venatoria.

NOVITA’. “Queste tre novità rappresentano una risposta concreta alle molte richieste che ci sono arrivate dai cacciatori e dagli agricoltori. In molte zone del territorio provinciale, la presenza di daini e cinghiali sta diventando problematica, creando pericoli per le colture agricole. Per limitare questi danni, abbiamo anticipato la caccia al daino al 1° agosto e ci impegniamo a prorogare i termini della caccia al cinghiale, di concerto, naturalmente con la modifica delle leggi regionali sulla caccia, che sappiamo essere in fase molto avanzata”.

“La data di apertura della caccia è fissata, come di consueto, per la terza domenica del mese di settembre salvo per la caccia di selezione al capriolo che inizia il 1° agosto – aggiunge l’assessore Cantini – la prima novità riguarda la caccia al daino. Abbiamo preso dei provvedimenti per limitare i danni alle colture agricole: esclusivamente nel territorio non vocato al daino dell’ATC Firenze 4, i cacciatori che hanno già l’autorizzazione ad abbattere i caprioli, potranno abbattere contestualmente anche il daino a partire dal 1° agosto”.

“Una seconda novità riguarda la caccia al cinghiale – spiega l’assessore provinciale – il termine per la caccia al cinghiale è fissato per il 14 gennaio. E’ già prevista, comunque, una proroga automatica qualora la Regione Toscana dovesse approvare la nuova legge regionale sulla caccia, che dovrebbe posticipare tale termine al 31 gennaio. L’ultima novità del calendario venatorio riguarda il prelievo della minilepre che quest’anno sarà illimitato”. Per quanto riguarda le altre disposizioni approvate dalla Giunta provinciale, il calendario prevede che la caccia alla starna e alla pernice rossa sia consentita – in tutto il territorio a caccia programmata e nelle Aziende Faunistico Venatorie – dal 20 settembre, la terza domenica del mese, al 31 dicembre; nelle Aziende Agrituristico Venatorie dal 20 settembre al 31 gennaio.

La caccia alla lepre comune è consentita in tutto il territorio provinciale dal 20 settembre all’8 dicembre. Fanno eccezione le Aziende Agrituristico Venatorie, nelle quali è protratta, esclusivamente in aree recintate, fino al 31 gennaio. Il prelievo del cinghiale nel territorio a caccia programmata vocato alla specie è consentito dal 15 ottobre al 14 gennaio ad eccezione del distretto di Reggello, nel quale è consentito dal 1° ottobre al 31 dicembre. La caccia al cinghiale nelle aree vocate può essere esercitata nelle sole giornate di mercoledì, sabato e domenica. Il prelievo del cinghiale nel territorio a caccia programmata non vocato alla specie è consentito dal 1° ottobre al 31 dicembre. La caccia al cinghiale nelle Aziende Faunistico Venatorie è consentita dal 15 ottobre al 14 gennaio, in tutti i giorni utili alla caccia, tenuto conto delle limitazioni del calendario venatorio regionale. La caccia al fagiano è consentita in tutto il territorio provinciale a caccia programmata dal 20 settembre al 31 dicembre. Nelle Aziende Faunistico Venatorie e nelle Aziende Agrituristico Venatorie dal 20 settembre al 31 gennaio. Il prelievo sulle popolazioni di capriolo, daino, cervo e muflone è consentito nei Distretti e Comprensori inclusi nel territorio a gestione programmata della caccia, secondo specifici piani di assestamento nei seguenti periodi.

Capriolo: distretti dell’ATC Firenze 4, dal 1 agosto al 30 settembre per tutte le classi di sesso ed età; dal 1° al 28 febbraio per femmine e piccoli. Distretti dell’ATC Firenze 5, dal 1 agosto al 16 settembre per tutte le classi di sesso ed età; dal 16 gennaio al 28 febbraio per femmine e piccoli.

Daino: ATC Firenze 4, comprensori Firenzuola, Palazzuolo, Marradi, Barberino, Vicchio, Vaglia, Pontassieve, Londa, dal 1° al 30 novembre e dal 2 gennaio al 28 febbraio; Comprensorio San Piero dal 1° al 30 novembre e dal 16 gennaio al 15 marzo. Nei comprensori Vicchio, Vaglia, San Piero, Pontassieve, Londa, interamente ricadenti nel territorio non vocato alla specie, i cacciatori iscritti a distretti di capriolo ricadenti nei suddetti comprensori possono cacciare, nel periodo compreso dal 1° agosto al 30 settembre 2009, i capi assegnati di daino contestualmente ai capi assegnati di capriolo. ATC Firenze 5, comprensori Vallombrosa ed Arno dal 1° al 30 novembre e dal 16 gennaio al 14 marzo; comprensori Tavarnelle e Montaione e porzione non vocata alla specie nel Comprensorio Vallombrosa dal 16 agosto al 15 settembre e dal 15 gennaio al 1 4 marzo.

Cervo: Comprensori dell’ATC Firenze 4, maschi adulti e sub adulti dal 1° al 1 4 settembre; dal 7 al 31 ottobre; dal 12 dicembre al 31 gennaio; femmine adulte e sottili, maschi giovani e piccoli, dal 1° dicembre al 15 marzo; ATC Firenze 5, Comprensori Vallombrosa ed Arno, dal 1° al 30 novembre e dal 16 gennaio al 15 marzo; Comprensori Tavarnelle e Montaione e porzione non vocata alla specie nel Comprensorio Vallombrosa dal 16 agosto al 15 settembre e dal 15 gennaio al 15 marzo. Il prelievo di capriolo, daino, cervo è altresì consentito nelle Aziende Faunistico Venatorie nei tempi e nelle quantità suddivise in classi prevista nei Piani di Assestamento.

Ultime notizie

L’Insolita Trattoria Tre Soldi di Firenze: quando il piatto trae in inganno

In via d'Annunzio nasce una trattoria 'insolita' di nome e di fatto: qui i piatti non hanno niente di canonico o ordinario e sono una continua sorpresa per gli occhi e per il palato.

Vaccino antinfluenzale 2020 in Toscana: quando, dove e come farlo

Per chi è a costo zero e quando è l'inizio: quello che c'è da sapere sul vaccino antinfluenzale in Toscana per la stagione 2020-2021, in piena emergenza Covid

Ludopatia: il Covid non ferma il gioco d’azzardo patologico

Aumentano i giocatori d’azzardo patologici e si temono gli effetti della crisi Covid. Una cura c’è, ma bisogna agire subito

AAA cercasi idee per il Fantafondo di via Rocca Tedalda

Il centro Fantafondo di Rovezzano lancia un progetto di aggregazione attraverso lo sport. Dedicato a tutto il quartiere