venerdì, 3 Dicembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaCallforCraft: gli artigiani fiorentini a...

CallforCraft: gli artigiani fiorentini a ‘scuola’ di digitalizzazione

CallforCraft è il bando di Murate Idea Park e Comune di Firenze che ha permesso a 12 artigiani di iniziare un percorso digitale per migliorare la loro presenza online

-

Artigianato e innovazione sono due mondi che sembrano lontani ma che in realtà sono più che collegati. È in quest’ottica che, grazie alla ‘CallforCraft’ sono stati selezionati 12 artigiani fiorentini per partecipare al progetto di formazione digitale e mentoring avanzata cofinanziato dal Programma europeo Interreg. Le 12 attività che hanno vinto la possibilità di partecipare al bando hanno iniziato un percorso che le porterà a migliorare la loro presenza online attraverso l’ottimizzazione dell’utilizzo dell’e-commerce, dei social, e di tutti gli strumenti digital che possono sostenere lo sviluppo di impresa.

I partner del progetto CallforCraft

L’iniziativa CallforCraft è stata ideata da Murate Idea Park, incubatore di impresa, progetto della Scuola di Scienze aziendali e tecnologie industriali ‘Piero Baldesi’ insieme al Comune di Firenze. Il progetto si inserisce all’interno di quello europeo Crafts Code, con la finalità di valorizzare il settore dell’artigianato a livello internazionale, anche in seguito ai gravi danni che la pandemia mondiale ha causato alle PMI. Successivamente alla chiusura del bando, il team MIP (Murate Idea Park), insieme all’Assessorato alla Promozione Economica del Comune di Firenze, al Punto Impresa Digitale di Camera di Commercio di Firenze, Artex (Centro per l’Artigianato Artistico e Tradizionale della Toscana), Confartigianato Firenze e CNA Firenze, ha selezionato le 12 PMI artigiane che saranno supportate per migliorare la loro presenza online, attraverso l’ottimizzazione dell’utilizzo dell’e-commerce, dei social media e di tutti gli strumenti digital che possono sostenere lo sviluppo di impresa.

I progetti vincitori

I vincitori sono stati divisi in quattro settori: per il settore orafo ‘Naa Studio, Gioielli Firenze’, ‘Liljia Gioielli Firenze’, ‘Roco’, ‘Arfasatti’, ‘Il Galeone’ mentre per il settore pelletteria sono stati selezionati ‘Fp Pelletterie’, ‘Quoio’ e ‘Infinity Firenze’. ‘Essère Atelier’ è stata scelta per il settore moda, mentre per la manifattura il trio di aziende è composto da ‘Cecilia Falciai’, ‘Made in Sipario’ e ‘Federica Tessari Candele’.

Come dichiarato dall’assessore al commercio e alle attività produttive Federico Gianassi “il progetto rappresenta un’opportunità importante per queste aziende artigiane perché attraverso il sostegno di Mip verrà favorito un nuovo approccio allo sviluppo dell’artigianato che si radica nella tradizione ma guarda anche al futuro avvalendosi di strumenti innovativi”. Il presidente Mip e Ssati Claudio Terrazzi ha sottolineato che l’obiettivo è “sostenere e rilanciare l’artigianato fiorentino, fiore all’occhiello di tutto il Paese”.

Ultime notizie