sabato, 23 Ottobre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaCatturati i responsabili di una...

Catturati i responsabili di una violenta rapina avvenuta alle Cascine

Sono stati catturati dopo due mesi, i responsabili di una violenta rapina avvenuta al parco delle Cascine. La vittima fu derubata e aggredita da una coppia che approfittò del suo stato confusionale, causato da un micidiale cocktail di alcol e droga.

-

Sono stati catturati dopo due mesi, i responsabili di una violenta rapina avvenuta al parco delle Cascine. La vittima fu derubata e aggredita da una coppia che approfittò del suo stato confusionale, causato da un micidiale cocktail di alcol e droga.

IL FATTO. La mattina del 4 aprile scorso, la vittima di un’aggressione si presentò al Commissariato di Polizia ”San Giovanni” con due profonde ferite alla spalla provocate da un’arma da taglio. La vittima, un fiorentino di 34 anni, acconsentì a farsi visitare in ospedale dove furono diagnosticate le sue gravi condizioni con prognosi di 30 giorni: le ferite avevano raggiunto anche un polmone

L’AGGRESSIONE. Una volta fuori pericolo di vita, il fiorentino decise di raccontare l’intera vicenda agli stessi poliziotti che subito si misero a lavoro per rintracciare i responsabili dell’accaduto. L’episodio risalirebbe alla sera del 3 aprile quando, secondo il racconto del 34enne, l’uomo avrebbe fatto un incontro con una coppia di conoscenti (un uomo ed una donna) al parco delle Cascine. Già ubriaco avrebbe poi consumato con i due dello stupefacente, assumendo così un cocktail micidiale di alcol e droga che lo ha messo al tappeto in pochi istanti.

IL RISVEGLIO. Al suo risveglio, avvenuto circa cinque ore dopo, il fiorentino si è ritrovato da solo, ferito e rapinato di 2 cellulari e di circa 400 euro. Gli investigatori hanno passato al setaccio tutta la zona reperendo indizi e ascoltando gli eventuali testimoni della vicenda. Gli elementi raccolti hanno permesso in poco tempo di stringere il cerchio intorno ai due principali sospetti, le stesse persone indicate dalla parte lesa: un 39enne cagliaritano e una donna di 35 anni originaria del Valdarno.

IL CASOLARE. La loro serrata ricerca ha portato gli inquirenti in un casolare abbandonato nella provincia di Firenze, ultima dimora nota della coppia in fuga. Durante un controllo proprio in quel casolare è saltata fuori una Sim Card di uno dei telefonini portati via alla vittima la notte della rapina. Circostanza questa che, inserita in una dettagliata ricostruzione dei fatti, ha portato il Gip di Firenze ad emettere un mandato di cattura per entrambi i soggetti ritenuti responsabili dell’aggressione. Ieri i due sono stati rintracciati dalla Polizia Ferroviaria alla stazione di Cagliari dove avevano preso a vivere da pochi giorni. Ora si trovano in carcere per rispondere dei reati di rapina aggravata, lesioni personali, spaccio di stupefacenti e porto abusivo dell’arma utilizzata nell’aggressione.

Ultime notizie