mercoledì, 28 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Centro, tornano i tavoli all'aperto

Centro, tornano i tavoli all’aperto

-

“Il Centro io lo Vivo”, da giovedì 24 aprile fino a sabato 25 ottobre, dalle 19,00 (dalle 20,00 in alcune strade) fino alle 24,00 ma in Piazza Santo Spirito ed in via Pietrapiana (nella parte pedonalizzata della strada) i tavolini saranno presenti tutti i giorni; e questa è la prima novità. Inoltre, bisogna registrare un aumento del numero degli esercizi commerciali che aderiscono all’iniziativa promossa dagli assessorati alle attività produttive, all’innovazione e strategie di sviluppo, alla Polizia Municipale, alla mobilità, all’ambiente del Comune di Firenze, dal Quartiere 1 e da Confesercenti Firenze, la realizzazione di “giardini” nei quali trovare ristoranti, enoteche, trattorie e gelaterie per trascorrere una serata diversa ed un numero maggiore di strade che, durante la sera, saranno chiuse al traffico stradale.

“È un’importante scommessa dell’Amministrazione Comunale, dei pubblici esercizi e delle associazioni di categoria – hanno commentato gli assessori Graziano Cioni, Riccardo Nencini e Silvano Gori – per fare vivere la città anche la sera, in sicurezza. È un modo per cercare di superare le diatribe tra chi, la sera, vuole dormire e chi vuole divertirsi e anche la Ztl dalle 24,00 e le zone pedonali attorno ai locali più grandi sono soluzioni che vogliono raggiungere questo obiettivo. Avremo due chilometri di tavolini che animeranno le sere dei fiorentini e dei turisti per fare vivere quelle strade anche meno note e dopo questo secondo anno di sperimentazione, dall’anno prossimo, l’iniziativa entrerà a regime e sarà un appuntamento fisso per Firenze”. “Il Centro io lo Vivo” sarà anche il 24 giugno, festa del Patrono San Giovanni ed in occasione della seconda edizione di “Nottarno”.

Tra le novità di quest’anno, anche una collaborazione con gli esercenti pubblici per trovare forme di pulizia delle strade alternative a quelle regolarmente svolte dal Quadrifoglio che aiutino a migliorare il decoro urbano. La tassa per l’occupazione del suolo pubblico per i tavolini nelle strade anche quest’anno è stata abbattuta dell’80% (in attesa della modifica del regolamento che non prevede, per il momento, il pagamento di una tassa “oraria” per l’occupazione ma solo giornaliera).

“Dopo i positivi risultati dell’anno scorso, le buone risposte sia da parte dei cittadini che degli operatori commerciali – hanno sottolineato Fabio Picchi presidente di Confesercenti, Valerio Brogelli responsabile sinda Firenze, Uliano Ragionieri presidente della Federazione pubblici esercizi della Confesercenti – siamo riusciti a riproporre anche quest’anno l’iniziativa ma ampliandola. Siamo convinti che sia un modo per fare vivere il centro storico anche la sera e sarà una prova generale in vista dell’estate”.

Queste le strade coinvolte nell’iniziativa: via de’ Neri, via della Spada, via Calzaiuoli, via Calimala, via Por Santa Maria, Loggia del Porcellino, via Porta Rossa, via delle Oche, via Condotta, piazza dei Cimatori, via de’ Cerchi, Borgo la Croce, via Pietrapiana, piazza San Pier Maggiore, via Palmieri, Borgo Albizi, via de’ Macci, via Isola delle Stinche, Borgo San Lorenzo, via Sant’Antonino, via San Niccolò, via San Miniato, piazza Santo Spirito, via dei Michelozzi, vicolo di San Pierino.

Ultime notizie

A Brozzi le Missionarie della carità di Madre Teresa di Calcutta

Accolgono i più poveri tra i poveri, vivendo insieme a loro senza chiedere mai niente in cambio. Chi sono le suore dell’Ordine di Madre Teresa di Calcutta

Tramvia Firenze: fermate, orari, mappa linea per linea. Guida completa

Tutto quello che c'è da sapere sulla tramvia di Firenze: le linee già in funzione e quelle progettate, fermate, percorsi, orari, frequenze delle corse e regole anti-Covid

Tramvia notturna, stop agli orari lunghi nel weekend

Stop al servizio notturno fino alle 2.00, il venerdì e sabato notte: gli orari estesi vengono sospesi dopo le disposizioni del nuovo Dpcm

“Diciamo no alla chiusura delle palestre”, in 100 mila firmano la petizione

Partita la raccolta di firme per dire no alla chiusura delle palestre decisa dall'ultimo Dpcm come misura anti Covid