domenica, 4 Dicembre 2022
- Pubblicità -
HomeSezioniCronaca & PoliticaLa nuova apertura della Coin...

La nuova apertura della Coin nell’ex Capitol di Firenze

Si avvicina l'inaugurazione del nuovo centro commerciale alla Loggia del Grano. Ma non tutti sono contenti per la nuova apertura Coin a Firenze. Proteste degli ambulanti

-

- Pubblicità -

Il 14 dicembre 2022 ci sarà la nuova apertura della Coin a Firenze: si troverà alla Loggia del Grano, in pieno centro, a due passi da Palazzo Vecchio e davanti all’uscita degli Uffizi, nei locali dell’ex cinema Capitol. Ma ci sono anche delle proteste.

Come cambia l’ex Capitol con la nuova apertura della Coin a Firenze

Oltre 2mila metri quadrati. È questa la grandezza del nuovo store di Coin a Firenze, la cui apertura è appunto prevista il 14 dicembre. Non ci dovrebbero essere ritardi, i lavori stanno procedendo spediti. Coin, grande store di moda, aveva chiuso alla vigilia di Natale dello scorso anno lasciando la storica sede di via Calzaiuoli. Poi la proprietà si era aggiudicata il bando della Camera di commercio di Firenze, proprietaria dell’ex cinema Capitol. Adesso ci siamo.

- Pubblicità -

L’attesa per la nuova apertura della Coin a Firenze c’è. Sia per la posizione strategica sia perché è un marchio storico. Ma non tutti sono contenti. Nella mattinata di oggi, 23 novembre, infatti hanno protestato gli ambulanti aderenti al sindacato Ana-Ugl Toscana che chiedono “un confronto immediato” con la proprietà e il Comune. Al momento, è stato spiegato, il trasferimento immediato dei sei banchi (per un totale di 15-16 lavoratori) è rimandato ma gli ambulanti vivono nell’incertezza.

Le richieste degli ambulanti della Loggia del grano

Mediare e trovare un punto di intesa, possibilmente rimanendo alla Loggia del Grano. È questa la posizione degli ambulanti. La nuova apertura della Coin a Firenze, proprio nel loro luogo, spaventa. “Noi vogliamo parlare con il Comune, con la proprietà e cercare di trovare una soluzione – hanno detto i lavoratori -. Qui ci sono persone che hanno investito, pagato le tasse”. Gli ambulanti hanno anche raccontato di aver ricevuto la proposta di un trasferimento in via Panicale che però “non è in realtà zona San Lorenzo”. Questa proposta è stata ritenuta non interessante.

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -