venerdì, 23 Aprile 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaCoprifuoco anti Covid anche in...

Coprifuoco anti Covid anche in Italia, ipotesi chiusura alle ore 22

Si fa strada l'ipotesi di un coprifuoco "leggero" in tutta Italia, con chiusure di bar e ristoranti alle ore 22 per combattere il Covid

-

La Francia sta per introdurre quella che è probabilmente la misura anti Covid più restrittiva adottata in Europa fino a oggi: coprifuoco dalle 21 alle16 6. E dunque anche nel nostro paese ci si comincia a chiedere se un provvedimento simile sia possibile. Fino a ieri veniva escluso, ma in serata si è fatta strada l’ipotesi di un coprifuoco anti Covid anche in Italia, con chiusura degli esercizi pubblici alle ore 22. Limitazioni simili si sono viste soltanto nei momenti più drammatici della storia recente, durante la Seconda guerra mondiale e negli Anni di piombo.

Francia, vietato uscire dalle 21 alle 6

In cosa consiste il coprifuoco che entrerà in vigore in Francia nelle prossime ore? Da sabato 17 ottobre, dalle ore 21 alle 6, resteranno chiusi tutti i ristoranti, i bar, i cinema, i teatri e in generale tutti i locali pubblici di aggregazione. Non un divieto di circolazione tout court, ma una misura che punta a una forte riduzione dei contatti tra le persone. Tanto che il presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron ha chiesto ai suoi cittadini di ridurre al minimo anche i contatti privati.

La misura non è valida in tutto il paese. Riguarda infatti 9 città, comprese molte tra le più popolose e importanti della Francia. Coprifuoco dunque nell’Île de France – la regione di Parigi – e nelle aree metropolitane di Grenoble, Lille, Lione, Aix-Marseille, Rouen, Tolosa, Montpellier, Saint Etienne. Il coprifuoco della Francia durerà 4 settimane, con la possibilità (e la volontà da parte del governo) di prolungarlo fino a 6, ovvero farlo durare fino al 1° dicembre.

Quante persone al ristorante? Le regole del nuovo Dpcm anti Covid

Si continuerà a lavorare, ci saranno autorizzazioni per chi rientra tardi dal lavoro o lavora di notte e saranno ovviamente esentate tutte le situazioni di emergenza, ad esempio per chi dovrà recarsi in ospedale.

Coprifuoco anche in Italia per contrastare il Covid?

Uno scenario ipotizzabile anche da noi? Di coprifuoco anti Covid in Italia non si era mai parlato, neanche durante la fase più drammatica dell’emergenza, nella primavera scorsa.

Da giovedì, però, il governo ha preso in considerazione l’ipotesi. L’idea è quella di un coprifuoco “leggero”, con chiusura di tutti gli esercizi pubblici in Italia alle ore 22: bar, ristoranti, locali dovrebbero abbassare la saracinesca subito dopo cena. Questo per stroncare sul nascere la movida e prevenire i grandi assembramenti di persone per le strade delle città in orario notturno.

D’altra parte l’idea di un coprifuoco in Italia rimanda proprio ai momenti più difficili della storia nazionale del Novecento.

Decreto agosto 2020: la legge di conversione in Gazzetta Ufficiale (pdf)

Venne imposto nel luglio del 1943, dopo la caduta del regime fascista, con un paese ancora in guerra e in preda al caos. In misura meno severa, una sorta di coprifuoco venne adottato in alcune città d’Italia nel dicembre 1973. Era un paese già spaventato per i primi fatti di quelli che saranno poi ricordati come Anni di piombo. La crisi energetica in seguito all’aumento del prezzo al barile del petrolio costrinse alla chiusura anticipata di cinema e ristoranti, oltre che alla riduzione dell’illuminazione notturna.

Ultime notizie