mercoledì, 23 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Coronavirus, albergo sanitario obbligatorio per...

Coronavirus, albergo sanitario obbligatorio per i positivi: l’ordinanza della Regione Toscana

Tre cluster familiari rilevati, firmata l'ordinanza 71: i sindaci possono obbligare i positivi al ricovero negli alberghi sanitari

-

Tre cluster familiari per un totale di 18 persone positive nelle ultime due settimane, risultato del sovraffollamento familiare. Per contrastare questi focolai domestici, la Regione Toscana ha disposto con l’ordinanza 71 l’obbligo di ricovero negli alberghi sanitari per i positivi al coronavirus.

Coronavirus, tre cluster familiari in Toscana

I tre cluster familiari sono stati segnalati a Cortona (Arezzo), Pian di Scò (Arezzo) e Impruneta (Firenze). In tutti e tre i casi si tratta di famiglie straniere, provenienti da paesi extra Schengen, per le quali vige l’obbligo di quarantena. L’aumento dei casi di coronavirus in Toscana delle due ultime settimane è determinato al 40% da questi focolai nati da contagio interfamiliare.

L’ordinanza 71 della Regione Toscana

Con l’ordinanza 71 il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha dato mandato ai sindaci di adottare provvedimenti per trasferire i positivi al coronavirus negli alberghi sanitari.

O, per meglio dire, l’Azienda sanitaria, accertato il caso positivo, può proporre al sindaco di emettere un’ordinanza contingibile e urgente a tutela della salute pubblica con la quale il primo cittadino, un qualità di Autorità sanitaria locale, disponga l’isolamento negli alberghi sanitari.

Fino ad oggi il trasferimento negli alberghi sanitari era solo una possibilità, che i cittadini risultati positivi potevano accettare o meno. Adesso il trasferimento potrà essere ordinato dai sindaci, e l’inosservanza comporta sanzioni da 500 a 5.000 euro.

Per tutti i contatti stretti delle persone colpite, familiari e non, saranno attivati controlli a tappeto, isolando e allontanando da casa via via tutti coloro che risulteranno positivi.

Più test alle comunità straniere

Aumenteranno anche i test molecolari e sierologici per le persone di queste comunità, caratterizzate anche da alta mobilità all’interno del territorio regionale e ricche di momenti di incontro collettivi. Si tratta di persone per cui, anche a causa delle difficoltà linguistiche, è difficile essere informate sull’andamento epidemiologico generale. Si invitano quindi i Comuni ad attivare iniziative di comunicazione, nelle lingue parlate dalle principali comunità presenti in Toscana, con le principali precauzioni da prendere per evitare il contagio.

Il testo completo in pdf dell’ordinanza 71 della Regione Toscana è disponibile a questo indirizzo.

Ultime notizie

L’Ecobonus riporta a galla il mercato dell’auto, ma ancora non basta per uscire dalla crisi

I recenti incentivi governativi stanno aiutando il mercato dell’auto a tornare ai livelli di vendite del 2019, chiudendo così...

Fiera Scandicci 2020: più date in programma, gli eventi

Area espositiva più piccola, ma con maggiore tempo per visitarla. E poi stand tematici che cambiano di settimana in settimana. Le novità di Scandicci Fiera 2020 e gli appuntamenti

Fierone di Scandicci 2020: stessi orari, ma cambia la mappa del mercato

Il tradizionale fierone di ottobre si terrà, ma con qualche novità anti-contagio. E i banchi si spostano verso la Greve

Elezioni Toscana, eletti e preferenze ai candidati di Pisa

Nardini e Mazzeo fanno il pieno di preferenze, in consiglio anche Meini: i candidati eletti e tutte le preferenze della circoscrizione Pisa