lunedì, 1 Giugno 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Coronavirus: negozi chiusi? Supermercati aperti?...

Coronavirus: negozi chiusi? Supermercati aperti? Cosa prevede il decreto

Negozi alimentari e supermercati aperti, limitazioni di orario invece per bar e ristoranti. Ecco le regole stabilite in tutta Italia

-

Tutta Italia è diventata una “zona rossa”, anzi una “zona protetta”, come l’ha definita il presidente del Consiglio Giuseppe Conte dopo l’ennesimo decreto, annunciato nella tarda serata del 9 marzo, per arginare la diffusione del coronavirus: ma cosa succede ai negozi e ai supermercati del Bel Paese, dalla Toscana alla Sicilia, dal Nord a Sud, sono aperti o chiusi? Ecco quanto prevedono le nuove disposizioni.

Supermercati aperti, ma “No alla corsa agli acquisti”

Il nuovo decreto sul coronavirus prevede che i supermercati, come tutti i negozi di generi alimentari, possano restare aperti al pubblico per garantire ai cittadini l’approvvigionamento di cibo. Da più parti si fa appello a non correre a fare acquisti e a non farsi prendere dalla psicosi: il trasporto merci è garantito e una grande affluenza di persone nei punti vendita avrà effetti controproducenti, proprio perché vanno assolutamente evitati assembramenti di persone. È possibile uscire di casa per fare la spesa di beni di prima necessità, una persona per famiglia.

Alla grande distribuzione e ai gestori dei negozi alimentari viene prescritto di garantire all’interno dei locali la distanza tra le persone di almeno un metro. Per questo motivo molte catene di supermercati contingentano gli ingressi in momenti di alta affluenza: come vi abbiamo raccontato, succede ad esempio negli oltre 100 punti vendita Coop gestiti da Unicoop Firenze in 7 province della Toscana. In molte città le piccole botteghe stanno inoltre organizzandosi per consegne gratuite della spesa a domicilio, come alla periferia di Firenze.

Coronavirus, il nuovo modulo di autocertificazione (pdf e word – 26 marzo)

Coronavirus, chiusi i negozi non alimentari in tutta Italia

Aggiornamento 11 marzo: il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato la chiusura di tutti i negozi e gli esercizi commerciali a partire dal 12 marzo. Resteranno aperti i negozi di generi alimentari, i supermercati, le farmacie e le parafarmacie. Chiusi tutti gli altri, compresi bar, ristoranti, pub e simili. Non c’è nessuna ragione per correre a fare la spesa, gli approvvigionamenti saranno garantiti anche nei prossimi giorni.

Restano aperti anche i servizi essenziali e di pubblica utilità qui il dettaglio su banche, poste, benzinai, edicole, tabaccai.

Il testo del decreto

Per le misure in dettaglio sul sito della presidenza del Consiglio dei Ministri è consultabile il decreto del 9 marzo 2020 che estende a tutto il territorio italiano le disposizioni per le zone rosse previste nel decreto dell’8 marzo (qui il testo completo), oltre al testo del decreto dell’11 marzo.

Ultime notizie

Mascherine gratuite, in Toscana la distribuzione si sposta in edicola

Stop alla distribuzione nelle farmacie, dal 5 giugno le mascherine gratuite si trovano in edicola: come funziona e quante ne spetta a testa

Centri estivi 2020, le linee guida della Regione Toscana

Dal distanziamento al numero di operatori, ecco le linee guida 2020 per i gestori di centri estivi in Toscana: l'ordinanza 61 della Regione

Centri estivi 2020 del Comune di Firenze, iscrizione al via

Sono 28 i centri estivi organizzati dal Comune di Firenze nei cinque Quartieri: domande di iscrizione online dal 1° all'8 giugno

Spiagge libere, le regole per l’estate 2020 della Regione Toscana

Mascherina, distanza tra gli ombrelloni ma niente prenotazione: l'ordinanza 61 della Regione Toscana detta le regole per le spiagge libere