L’evasione è stata scoperta grazie a un’indagine specifica che ha ricostruito movimenti contabili avvenuti tra il 2003 e il 2007. Sarebbe quindi risultato che il concessionario ha dichiarato cifre inesistenti.