mercoledì, 23 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Difendere il Made in Italy

Difendere il Made in Italy

Comitato Made in Italy

-

E lo fa questa volta coinvolgendo le Università di alcune città italiane – Facoltà di Giurisprudenza, Filosofia, Lettere – affinché, attraverso un confronto interdisciplinare, vengano indicate linee concrete per la difesa del Made in Italy. L’appuntamento sarà ad Urbino con il convegno “Il Futuro del Made in Italy, Progetto e Tutela” (21 aprile 2009) che vede la partecipazione delle Facoltà di Giurisprudenza e di Lettere e Filosofia; del Corso di Laurea in Design e Discipline della Moda dell’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”; e il patrocinio del Comune di Urbino. “Il Convegno vuole essere occasione di un dibattito tra discipline diverse che, partendo dal quadro normativo vigente, getti le basi per interventi multisettoriali a difesa del Made in Italy”, spiega il Presidente Maurizio Bonas. “Ma soprattutto – aggiunge – nell’ambito di questa giornata avrà inizio la raccolta di firme per la ratifica della legge a suffragio popolare sulla dichiarazione di origine dei manufatti prodotti nel nostro Paese”.

Nella legge, con impostazione di tipo anglosassone, saranno incluse anche le pene previste dal codice civile in materia amministrativa con interdizioni dai 3 anni ai 6 anni per gli amministratori di società che  hanno dichiarato  il falso sull’origine manifatturiera dei prodotti. Il Comitato Made in Italy ha collaborato con la X Commissione della Camera -assieme all’allora relatore della legge On. Andrea Lulli – per la stesura della prima Legge sul Made in Italy. E’ poi intervenuto contro la X Commissione del Senato per evitare l’affossamento della stessa legge. “Con l’ ingresso di Cina, India e Pakistan nel Wto non possiamo più permetterci il lusso di rinviare la definizione e l’ approvazione di una normativa europea sulla tracciabilità dei prodotti made in Italy”. “L’ unione Europea – spiega Maurizio Bonas – è in dirittura d’ arrivo per la normativa sulla tracciabilità dei prodotti extra europei, ma si attarda ancora su un provvedimento analogo per i prodotti europei per la resistenza di alcuni paesi, soprattutto quelli del nord, la cui industria manifatturiera nelle rispettive economie incide ormai per il 20-30%, mentre in Italia l’ incidenza è del 90-93%”.

Le azioni che il Comitato ha portato avanti in questi anni sono state dettate dalla convinzione che per realizzare una buona normativa occorra anche il coinvolgimento di quanti sono protagonisti nei settori produttivi italiani e non possa essere relegato a poteri di lobby legati a interessi di altri Paesi stranieri.

Ultime notizie

Giornate europee del patrimonio 2020: musei a 1 euro a Firenze e in Toscana

Visite guidate gratis, eventi e aperture serali dei musei a un prezzo simbolico: cosa vedere in Toscana per le Gep 2020

Corri la vita 2020, qual è il colore della maglia e come funziona la “gara”

La corsa benefica cambia, ma si svolgerà comunque. Percorso "individuale", musei gratis e prenotazioni online: ecco tutte le novità della 18esima edizione

Quando e dove si vota per il ballottaggio delle comunali 2020

Chi può votare, com'è fatta la scheda, quando e perché è previsto il secondo turno per scegliere il sindaco: i dubbi più comuni sulla seconda tornata elettorale

Libri scolastici con lo sconto: da Amazon alla Coop, come risparmiare

C'è chi sceglie l'usato (e spende la metà) e chi si affida al supermercato o ai siti internet con prezzi tagliati del 15% e promozioni, dai buoni ai punti spesa. La guida al risparmio per i libri di testo