A Firenze esistono diversi posti dove andare a studiare, lavorare o semplicemente leggere un buon libro. L’Università mette a disposizione diversi spazi per i propri studenti: frequentatissima è la Biblioteca del Polo delle Scienze Sociali di Novoli, affettuosamente chiamata “Novolandia” da chi la vive ogni giorno.

Dove studiare a Firenze, in centro

Per chi preferisce non allontanarsi dal centro, la Biblioteca di Scienze della Formazione si trova in via Laura, a due passi da Piazza Santissima Annunziata (qui gli orari di tutte le biblioteche dell'Università di Firenze). Nella stessa  zona, precisamente in via Cavour, la Biblioteca Marucelliana mette a disposizione un’ampia sala studio ad accesso gratuito.

Nel cuore del centro storico, alle spalle del Cupolone, la Biblioteca delle Oblate offre numerosi servizi: qui i visitatori hanno libero accesso alle sale lettura e alle aule studio, mentre all’ultimo  piano si trovano un ampio spazio aperto e un bar dove approfittare di qualche minuto di pausa e godersi la meravigliosa vista sul Duomo. La struttura è aperta anche durante i weekend fino a mezzanotte.

La Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, con la sua maestosa facciata, domina la vista sul Lungarno delle Grazie, non molto lontano dalla rinomata Piazza Santa Croce. Le sale maestose e ricche di affreschi ospitano numerose postazioni, anche attrezzate di computer e altri strumenti per la consultazione.

È inoltre possibile prendere in prestito libri, monografi e, articoli e giornali appartenenti alla vastissima collezione, che conta la bellezza di 5 milioni di esemplari.

Aule studio a Firenze - Biblioteca delle Oblate

L'aula studio fuori in periferia

Per chi invece abita fuori dal centro, la BiblioteCaNova dell’Isolotto è una delle più attrezzate e attive, con numerosi  eventi, attività, letture e presentazioni adatte ad ogni tipo di pubblico; non una semplice Biblioteca, ma un vero e proprio centro dedicato alla cultura. C'è anche uno spazio autogestito dagli studenti : una sorta di aula studio con ingresso autonomo che apre anche quando la biblioteca principale è chiusa.