venerdì, 6 Agosto 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaDoveva tornare in carcere, preso

Doveva tornare in carcere, preso

I vigili lo hanno trovato senza documenti e sdraiato sul marciapiede in violazione del nuovo regolamento: dai controlli è emerso che a suo carico c'era un decreto di sospensione della misura alternativa al carcere, ed è quindi stato accompagnato a Sollicciano.

-

Continuano i controlli della Polizia Municipale a tutela del decoro e contro il degrado in città.

Ieri pomeriggio agenti del distaccamento della zona centrale in servizio in via dei Biffi hanno notato un uomo totalmente sdraiato sul marciapiede. Questi, nonostante i ripetuti inviti dei vigili, ha rifiutato di alzarsi tanto che gli agenti gli hanno dovuto contestare la violazione all’articolo 15 del nuovo Regolamento di Polizia Urbana.

Per questo i vigili hanno chiesto i documenti all’uomo che ha dichiarato di esserne privo e ha fornito svariati nominativi tanto che si è reso necessario condurlo presso la sede della Polizia Municipale per l’identificazione.

Dai controlli è emerso che a carico dell’uomo un decreto di sospensione provvisoria della misura alternativa alla detenzione per diversi reati con conseguente carcerazione emesso dal magistrato di sorveglianza. L’uomo, S.S. cittadino italiano di 41 anni, è stato quindi accompagnato al carcere di Sollicciano.

Ultime notizie