venerdì, 7 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaE' la notte dei "100...

E’ la notte dei “100 luoghi”

Stasera, 28 settembre, alle 21, in 100 luoghi della città si terranno contemporaneamente 100 assemblee aperte in cui i cittadini potranno contribuire alla riorganizzazione, alla costruzione o al miglioramento della zona della città che sta a loro più a cuore.

-

Ci siamo, è questa la notte dei 100 luoghi. Stasera, martedì 28 settembre, alle 21, in 100 luoghi della città si terranno contemporaneamente 100 assemblee aperte in cui i cittadini potranno contribuire praticamente alla riorganizzazione, alla costruzione o al miglioramento della zona della città che sta a loro più a cuore.

L’OBIETTIVO. “Dopo un anno di studio, di organizzazione e di conoscenza degli strumenti a disposizione, l’amministrazione è pronta per attuare la seconda parte, il cuore del suo mandato: quello di costruire tutti insieme una casa più comoda, più ‘giusta’ per i fiorentini. Un modo diverso di amministrare, partecipando davvero tutti al bene comune”, spiega il sindaco Matteo Renzi sul suo sito.

IL PROGETTO. “Cominciamo come sempre, insieme, dal progetto: Piazze, giardini, scuole, parcheggi, infrastrutture, spazi da svuotare e rinnovare completamente. Partecipare alle assemblee significherà far sentire la propria voce, avere la possibilità di esprimere il proprio parere su cosa e come si vuole cambiare la città. Significa dare corpo alle proprie necessità, nel rispetto delle esigenze di tutti, e approfondire le dinamiche che portano alla modificazione urbanistica della città”, continua il sindaco.

“L’esperienza del bello non è una mera questione estetica: è un nodo sociale fondamentale. Il bello, come le strade e gli edifici di Firenze ci ricordano costantemente, ci rende migliori, ci abitua al meglio tutti i giorni. Ci costringe a ricordarci sempre di come non ci si debba accontentare, nella vita, di sopravvivere: esprimere sempre il massimo di noi stessi è uno stile, una qualità dell’esistenza che rende la vita più degna di essere vissuta”, conclude Renzi.

Ultime notizie