domenica, 3 Marzo 2024
- Pubblicità -
HomeSezioniCronaca & PoliticaAlluvione in Toscana: agevolazioni sulla...

Alluvione in Toscana: agevolazioni sulla bolletta dell’acqua

Pubblicato il decreto per la decurtazione degli extra-consumi per le famiglie e le imprese colpite dall’alluvione dello scorso novembre

- Pubblicità -

-

- Pubblicità -

Il 2 novembre 2023 la Toscana è stata colpita da eventi meteorologici intensi. La Regione ha immediatamente attivato soccorsi e assistenza, chiedendo lo stato di emergenza nazionale che è stato poi riconosciuto dal governo. Il Presidente Eugenio Giani è stato designato Commissario per l’emergenza e sono stati attivati servizi online per richiedere contributi e segnalare i danni. Publiacqua ha recentemente annunciato agevolazioni in bolletta con la decurtazione degli extra-consumi sull’acqua per le famiglie e le imprese colpite dall’alluvione in Toscana.

L’iniziativa di Publiacqua in aiuto alle famiglie colpite dall’alluvione in Toscana

Publiacqua ha comunicato che il decreto per la decurtazione degli extra-consumi offre un’agevolazione sulla bolletta dell’acqua in risposta all’alluvione del 2 novembre scorso per le famiglie e le imprese colpite in Toscana. L’agevolazione consiste nell’annullare la parte variabile della tariffa sui consumi eccedenti il consumo storico registrato nel 2023 o, se disponibile, sul periodo di consumo misurato tramite lettura che si estende da prima del 2 novembre 2023 a almeno dopo l’1 dicembre 2023. Tale calcolo rapporta il consumo storico a questo specifico periodo di lettura.

- Pubblicità -

Le utenze che beneficeranno dell’agevolazione sono quelle individuate nelle aree designate dal Commissario delegato per gli interventi di protezione civile. “Il decreto dell’Autorità idrica toscana, elaborato in collaborazione con Publiacqua, stabilisce un’agevolazione temporanea per rispondere al maggior consumo di acqua necessario per la pulizia delle zone alluvionate – ha spiegato Nicola Perini, presidente di Publiacqua – Chi ha dovuto utilizzare più acqua per ripristinare le proprie abitazioni, garage e spazi aziendali non dovrà preoccuparsi, poiché il costo non sarà addebitato”.

Perini ha inoltre precisato che sono necessarie modifiche sostanziali ai sistemi operativi di Publiacqua per poter applicare la decurtazione dei costi associati agli extra-consumi. Nel frattempo, potrebbero essere emesse bollette con costi superiori a quelli mediamente pagati, derivanti dal consumo extra di acqua per la pulizia degli immobili alluvionati. Tuttavia, Publiacqua si impegna a ridurre al più presto tali costi dalle bollette. Perini ha anche ricordato che coloro che lo desiderano possono posticipare il pagamento delle bollette senza subire penalizzazioni. L’agevolazione sarà restituita come conguaglio sui prossimi consumi per coloro che preferiscono pagare immediatamente.

- Pubblicità -

Arera sospende le bollette: primi segnali di supporto in Toscana dopo l’alluvione del 2 novembre

L’Arera – l’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente – già a novembre aveva annunciato la sospensione delle bollette di luce, gas e acqua nelle province di Firenze, Livorno, Pisa, Pistoia e Prato colpite dagli eccezionali eventi metereologici. La sospensione, che si affianca al decreto di Publiacqua, comprende anche le spese per l’allacciamento e l’attivazione. La delibera è temporanea ma non è specificata la durata e eventualmente i provvedimenti successivi, o il possibile rinvio del pagamento e agevolazioni tariffarie, come già avvenuto dopo l’alluvione in Emilia Romagna nel 2023.

Le agevolazioni per la popolazione colpita dall’alluvione in Toscana

Intanto Alia ha censito 44.000 utenze nei vari territori delle province colpite dall’alluvione. Dal 24 novembre, i cittadini privati possono richiedere il risarcimento dei danni causati dall’alluvione attraverso il servizio online disponibile su servizi.toscana.it/formulari. Attivo anche il portale per la compilazione della domanda di ricognizione e richiesta danni delle attività produttive. Si accede alla procedura su portale della Regione Toscana all’indirizzo bandi.sviluppo.toscana.it/emergenze

- Pubblicità -

È fondamentale conservare scontrini e documentare i danni con foto. Il risarcimento è associato alla dichiarazione di stato di emergenza nazionale. La scadenza della procedura per la ricognizione danni privati e attività produttive è prorogata fino al 19 gennaio 2024. Qui tutte le istruzioni necessarie per procedere con la richiesta di risarcimento in seguito all’alluvione.

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -