Firenze tramvia bus gratis studenti università mezzi pubblici

Anche per tutto il 2020 gli studenti dell’Università di Firenze potranno viaggiare gratis a bordo dei mezzi pubblici cittadini, come i bus Ataf e le due linee della tramvia. Basterà avere con sé la “Carta studente Toscana”, la card unica che garantisce tra le altre cose l’accesso alle mense e alle biblioteche universitarie, a fronte del pagamento di un contributo annuale.

È stato prorogato l’accordo tra la Regione Toscana, il Comune di Firenze, l’ateneo e il Dsu della Toscana (l’azienda regionale per il diritto allo studio universitario).

Bus e tramvia di Firenze gratis per gli studenti universitari

Il progetto sperimentale, per garantire a Firenze bus e tramvia gratis per chi frequenta l’Università cittadina, è partito a fine 2018 e avrebbe dovuto durare fino al 31 dicembre 2019. Adesso con il rinnovo dell’intesa questa misura andrà avanti fino alla fine del 2020, con l’idea di estenderla ulteriormente fino all’ottobre 2022, grazie al tacito rinnovo se non ci saranno recessi.

Alla sperimentazione ha aderito l’80% degli studenti dell’ateneo fiorentino, spiegano la vicepresidente della Regione Toscana Monica Barni e l’assessore regionale alle infrastrutture e ai trasporti Vincenzo Ceccarelli. “Riteniamo che dare continuità a questa misura sia doveroso – dicono – Presto insieme agli altri soggetti che hanno aderito alla fase sperimentale firmeremo un nuovo protocollo d’intesa per estendere l’intervento almeno fino al 31 ottobre 2022″

Il progetto della Carta studente della Toscana

“Più in generale – continuano Barni e Ceccarelli- la creazione della carta regionale dello studente ha lo scopo di facilitare e favorire l’accesso ai servizi culturali, ricreativi e sportivi facendo leva su un utilizzo sempre maggiore del servizio del trasporto pubblico locale”.

Intanto, sul fronte degli alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado, di recente il Comune di Firenze ha rinnovato i contributi per gli abbonamenti annuali Ataf per studenti, rimborsi che di fatto azzerano gli aumenti scattati l’anno scorso.