domenica, 20 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Firenze Marathon, una corsa ''da...

Firenze Marathon, una corsa ”da impiegati”. In 1.760 alla loro prima volta

Qualche numero e curiosità sulla corsa di domenica scorsa. Dei 9.763 iscritti si sono presentati alla partenza in 8.323: arrivati al traguardo 7.771 podisti. Dopo l'Italia, la nazione più rappresentata è stata la Fancia, con 652 corridori. Ecco anche le professioni dei partecipanti.

-

La corsa ormai è finita da qualche giorno, anche se qualcuno porta ancora i segni nelle gambe. Archiviata l’edizione 2012 della Firenze Marathon, ecco alcune curiosità sull’iniziativa che si è tenuta a Firenze domenica scorsa.

CORSA… MONDIALE. Gli iscritti alla Firenze Marathon 2012 sono stati 9.763, divisi in 7.395 italiani e 2.278 stranieri (anche effettivamente al via erano 8.323). La nazione più rappresentata, dopo l’Italia con 7.395 unità, è stata ancora la Francia con 652 presenze, seguita da Gran Bretagna (378) e Germania con 233. 170 erano gli austriaci, a seguire la Repubblica Ceca con 158, belgi 78, gli spagnoli con 76, statunitensi 52, olandesi 50, per un totale di 62 nazioni rappresentate, compresa la delegazione di ebrei e arabi di Gerusalemme che hanno corso per la pace.

AL TRAGUARDO. Coloro che sono arrivati al traguardo sono stati 7.771 (di cui 6.577 uomini e 1.194 donne). Dopo l’edizione record del 2009 con 8.206 arrivati, la cifra si attesta in terza posizione nella speciale classifica che comprende le 29 edizioni della gara, due sole unità in meno rispetto al 2010. Inutile ribadire che quella di Firenze resta così la seconda maratona d’Italia con più arrivati, dopo Roma.

PROFESSIONI. Altre curiosità riguardano le professioni svolte dai partecipanti: vince la categoria degli impiegati del settore privato (1.270); a ruota i liberi professionisti con 552 unità, poi gli operai generici con 405 iscritti, a ruota gli imprenditori con 399. Altra curiosità: erano 1.760 i podisti al via della loro prima maratona.

RISTORO. Dieci erano i punti di ristoro, uno ogni 5 chilometri con, tra l’altro, 193mila bicchieri impiegati, 66.600 bottigliette d’acqua da mezzo litro, 5.590 litri di liquido energetico, 7.280 litri di the e 30mila crostatine, 3.000 arance, 2.860 banane. Per gli spugnaggi si sono utilizzate 57mila spugne. C’erano 502 tavoli, 1.119 cavalletti e anche 32 fornelli del gas per fare il the caldo. E subito dopo il passaggio degli atleti si è ripulito tutto con 1.140 sacchi della nettezza e 1.100 sacchi blu per la raccolta differenziata della plastica.  

MARATHONABILI. Dopo 5 ore e 8 minuti è arrivato al traguardo il gruppo dei Maratonabili, tra gli applausi della gente che li stava aspettando all’arrivo. La delegazione dei Maratonabili è un gruppo di ultra maratoneti, runner esperti e semplici appassionati della corsa. E’ un’associazione sportiva onlus nata a Prato nel 2009 per vincere una sfida più importante di qualunque competizione, ovvero consentire a ragazzi “speciali” di vivere appieno le emozioni e il divertimento proprie di una maratona. Il gruppo, tutti con le magliette bianche, ha colorato con la propria presenza e entusiasmo l’edizione 2012 Firenze Marathon presentandosi ai nastri di partenza della città che per prima, nel 2009, si è resa testimone di come la corsa possa davvero superare ogni barriera. A 3 anni dalla prima partecipazione alla Firenze Marathon i Maratonabili sono tornati nel capoluogo toscano con un gruppo di atleti e spingitori provenienti da tutt’Italia uniti in un’unica missione: trasformare l’impossibile in possibile, la disabilità in abilità. Missione compiuta.

La corsa: Firenze Marathon 2012, una città tutta da correre. Ecco come è andata / FOTO

Ultime notizie

Elezioni regionali Toscana 2020, affluenza alta: alle ore 12 è del 14,67%

I dati sull'affluenza alle urne alle ore 12 del 20 settembre per le elezioni regionali 2020 della Toscana: aggiornamenti alle ore 19 e 23

Fiorentina-Torino, le immagini della gara

Biraghi, Castrovilli e Chiesa i migliori in campo

Referendum 2020: affluenza al 12,25% alle ore 12

I dati sull'affluenza al referendum 2020 sul taglio dei parlamentari a partire dalle ore 12 del 20 settembre. Sulle previsioni pesa l'incognita Covid