martedì, 2 Giugno 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Fuga dei cervelli? No grazie

Fuga dei cervelli? No grazie

indagine irpet sul numero di laureati in toscana che vanno all'estero.

-

Quanto al “mismatch“, la discordanza tra titolo di studio e professionalità richiesta sul lavoro, invece, i dati sono più preoccupanti: aumentano i laureati, ma non la domanda di risorse umane specializzate.

“Un laureato su tre svolge un’attività per la quale la laurea non è richiesta – ha spiegato Lara Antoni, curatrice della ricerca Irpet – e i più penalizzati sono i laureati in discipline letterarie e scientifiche. Invece, i dottori nelle discipline chimico-farmaceutiche trovano occupazione nel loro settore al 93,1% e i medici al 96,7%”.

Conseguenza del mismatch è anche la disoccupazione, anche se dalle ricerche sembra che solo il 4% dei laureati non trovi occupazione. Forse, però, il dato è falsato da coloro che scelgono di continuare a studiare, facendo master, dottorati o altro.

Il consigliere regionale Andrea Agresti ha sottolineato, infine, la necessità di creare corsi di laurea più strettamente legati al territorio, così da dare maggiori opportunità di lavoro.

Ultime notizie

La Fiorentina riparte il 22 giugno

Dodici giornate da giocare tutte in orario serale

Viaggi all’estero, in quali paesi possono andare gli italiani

I paesi in cui si può andare e quelli che ancora non vogliono gli italiani: dal 3 giugno via libera ai viaggi all'estero nei paesi Schengen

Cinema all’aperto 2020: a Firenze le arene estive pronte a ripartire

Posti distanziati, ma sotto le stelle. Il grande schermo si sta per riaccendere, seguendo le linee guida anti-Covid. Ecco i primi cinema che hanno annunciato la riapertura

Coronavirus, la mappa e l’andamento del contagio in Toscana

Tutto quello che c'è da sapere sull'andamento dei casi di Covid-19 nella nostra regione: la mappa, i nuovi contagi, i dati per provincia pubblicati nel nuovo bollettino della Regione