sabato, 24 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Gli inglesi si sposano in...

Gli inglesi si sposano in Toscana

Molti inglesi scelgono la Toscana per celebrare il loro matrimonio. Lo ha rivelato stamani, 29 giugno, David Broomfield, il nuovo console britannico a Firenze, durante un incontro con il presidente della Regione, Claudio Martini, a palazzo Strozzi Sacrati.

-

“Lo scorso anno sono stati 850 i cittadini di Sua Maestà che si sono sposati qui”. E’ stato David Broomfield a rivelarlo, illustrando come il lavoro del consolato sia aumentato sensibilmente negli ultimi anni, perché molti cittadini del Regno Unito scelgono la Toscana e l’Umbria per celebrare il loro matrimonio.  

Il console ha inoltre raccontato la sua esperienza in Italia e si è confrontato con il presidente della Regione su importanti tematiche quali l’economia e l’ambiente, dimostrandosi molto interessato ai progetti toscani.

Un incontro svoltosi in un clima di grande cordialità durante il quale il presidente della Regione ha promesso al console di recarsi prossimamente al consolato per approfondire queste tematiche e si è detto disponibile a far incontrare al più presto il console con gli assessori competenti e con i funzionari della Regione.

 

 

Ultime notizie

Fiorentina a caccia della vittoria. Al Franchi arriva l’Udinese

L'anteprima di Fiorentina - Udinese in programma al Franchi domenica 25 ottobre alle 18: le probabili formazioni

L’Insolita Trattoria Tre Soldi di Firenze: quando il piatto trae in inganno

In via d'Annunzio nasce una trattoria 'insolita' di nome e di fatto: qui i piatti non hanno niente di canonico o ordinario e sono una continua sorpresa per gli occhi e per il palato.

Vaccino antinfluenzale 2020 in Toscana: quando, dove e come farlo

Per chi è a costo zero e quando è l'inizio: quello che c'è da sapere sul vaccino antinfluenzale in Toscana per la stagione 2020-2021, in piena emergenza Covid

Ludopatia: il Covid non ferma il gioco d’azzardo patologico

Aumentano i giocatori d’azzardo patologici e si temono gli effetti della crisi Covid. Una cura c’è, ma bisogna agire subito