sabato, 19 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica I disabili contro Renzi: 'Non...

I disabili contro Renzi: ‘Non ci lasceremo rottamare!’

Rabbia e indignazione dei disabili fiorentini per l'estensione della zona pedonale a Piazza Pitti, via Tornabuoni e forse le Cascine. Rivendicano il diritto alla mobilità e denunciano: 'discriminazioni e tentativi di ghettizzazione da parte dell'amministrazione Renzi'. I sindacati sono con loro.

-

 

Rabbia e indignazione dei disabili fiorentini per l’estensione della zona pedonale a Piazza Pitti, via Tornabuoni e forse le Cascine. Rivendicano il diritto alla mobilità e denunciano: ‘discriminazioni e tentativi di ghettizzazione da parte dell’amministrazione Renzi’. I sindacati sono con loro.

LA PROTESTA. Le obiezioni della Consulta comunale degli invalidi, cui partecipano 45 associazioni, riguardano due aspetti della questione ‘viabilità’ per i portatori di handicap: da una parte vietare l’ingresso in alcune zone anche alle auto munite di cartellino arancione, significa di fatto impedire l’accesso a una vasta categoria di soggetti; dall’altra si contestano le ulteriori restrizioni imposte al numero di vetture che ogni disabile può utilizzare per raggiungere le zone ztl che verrebbe ridotto a due con l’indicazione di due sole targhe autorizzate, per facilitare il controllo telepass.

INASCOLTATI. Viene anche contestato il modo di operare del sindaco Renzi che, secondo il Presidente della Consulta Michele Cirrincione, avrebbe preso le sue decisioni senza informare la Consulta e rifiutandosi di incontrare i suoi rappresentanti per consultazioni su un argomento così critico per i disabili fiorentini. Inoltre, afferma Cirrincini, “il comune estende a tal punto la deroga (che permette ulteriori restrizioni alla circolazione su aree pedonali) da farla diventare una norma”.

ztl_firenzeCAMMINARE, PER CHI PUÒ. E ancora parole dure:” La riscoperta da parte del sindaco ‘del piacere di camminare a piedi’ in questo contesto suona offensivo per i disabili, per i quali la propria auto corrisponde alle gambe che non possono più usare”.

CHI E’ DA ROTTAMARE. Utilizzando un termine caro al sindaco Renzi, il Responsabile Commissione Mobilità Carmelo Manca dichiara: “Noi non accettiamo che si ‘rottami’ ancor di più chi è già abbastanza ‘rotto’, togliendoci dalla vista dei ricchi benpensanti che girano per via Tornabuoni e le vie chic dell’alta moda”.

SOSTEGNO DEI SINDACATI. Solidarietà e appoggio anche da CGIL, CISL e UIL, che in un comunicato si dicono preoccupate dell’atteggiamento e del comportamento dell’Amministrazione comunale di Firenze, e invitano l’Amministrazione ad individuare momenti e tavoli per la definizione di soluzioni concertate.

LE RICHIESTE. Vogliono rispetto i disabili fiorentini e garanzie sui propri diritti: potersi muovere liberamente anche nel centro città e avere la possibilità, come da statuto, di rappresentare i propri interessi quando il comune delibera su questioni che li riguardano.

 

Ultime notizie

La Rondine di Puccini al Teatro del Maggio musicale fiorentino

Molte accortezze anti-Covid, ma ancora tanta voglia di fare spettacolo. Al Maggio torna un titolo riscoperto del repertorio pucciniano

Il concerto dei Bowland a Villa Bardini (in streaming)

Un'esibizione speciale che sarà trasmessa sui social. Lattexplus lancia un nuovo progetto che lega insieme musica e location esclusive

Tessera elettorale smarrita o piena: cosa fare per ritiro, cambio o rinnovo

Persa, danneggiata o rubata: la procedura da seguire per richiedere il documento essenziale al momento del voto