venerdì, 25 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica I ragazzi in difesa dell'acqua

I ragazzi in difesa dell’acqua

Si è conclusa questa mattina la prima edizione del concorso Acqua e Ambientekk che ha coinvolto 51 scuole di ogni ordine e grado provenienti da tutta la regione. Ben 2000 ragazzi coinvolti nella realizzazione di 90 elaborati grafici e manuali cui hanno fatto seguito le premiazioni dei lavori piu' interessanti.

-

Ha partecipato alla cerimonia di premiazione, organizzata su iniziativa di Assonaturizzatori e in collaborazione con l’Ufficio Scolastico per la Toscana, il Comune di Campo Bisenzio, Quadrifoglio e Arpat, anche l’assessore al Territorio e all’Ambiente Luigi Nigi.

Per il concorso si chiedeva ai ragazzi un elaborato sulla difesa di un bene primario come l’acqua. Video, disegni, manifesti, spot, collage: gli studenti hanno dato libero sfogo alla loro fantasia per creare qualcosa di incisivo su come difendere l’ambiente e non sprecare l’acqua.

L’assessore Nigi si è dichiarato “soddisfatto di essere al fianco di questa iniziativa a tutela dell’acqua, per i valori che questa risorsa rappresenta e affinché i giovani abbiano un rapporto diverso con questo elemento”.

L’iniziativa ha ricevuto anche il plauso del Ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini che ha trovato “molto interessante questa iniziativa sull’importanza dell’acqua come diritto dell’uomo e bene da tutelare”.

Ultime notizie

Cosa fare a Firenze nel weekend: gli eventi del 26 e 27 settembre

Bancarelle, vintage, fiere, spettacoli e musei a 1 euro: il meglio del programma per l'ultimo fine settimana di settembre

Giornate europee del patrimonio 2020: musei a 1 euro a Firenze e in Toscana

Visite guidate gratis, eventi e aperture serali dei musei a un prezzo simbolico: cosa vedere in Toscana per le Gep 2020

Spid, cos’è e come richiedere il “codice” per i bonus di Inps e governo

Un solo nome utente e una sola password per accedere a tutti i siti: da quelli statali alle Regioni fino ai servizi comunali. Ecco la procedura per richiedere le credenziali uniche

Pin Inps addio: dal 1° ottobre serve lo Spid per richiedere i servizi online

Un piccola rivoluzione per l'accesso al portale dell'Istituto di previdenza: non si potrà più richiedere il Pin