venerdì, 25 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica I tetti delle scuole in...

I tetti delle scuole in affitto

-

Le coperture degli edifici verranno utilizzati per produrre energia pulita.

Ecco l’elenco delle scuole che ospiteranno gli impianti fotovoltaici: istituto Agnoletti di Sesto Fiorentino; istituto Gobetti di Bagno a Ripoli; istituto Volta di Bagno a Ripoli; istituto Russel Newton di Scandicci; istituto Giotto Ulivi di Borgo San Lorenzo; istituto Vasari di Figline Valdarno.

Inoltre gli impianti solari saranno montati al Saffi, al Peano, al Gramsci di Firenze e all’istituto Pontormo Ferraris di Empoli.

“Con questo atto – afferma l’Assessore provinciale all’Edilizia, Stefano Giorgetti – inizia una fase importante per l’utilizzo delle fonti rinnovabili nel nostro territorio. La Provincia di Firenze è in prima fila non solo nello sfruttamento del solare, ma anche per l’utilizzo dell’eolico e del idroelettrico”.

“È bene sottolineare – aggiunge Giorgetti – che il costo per l’installazione dei pannelli solari non è a carico della Provincia di Firenze ma la spesa verrà interamente finanziata dall’Agenzia Fiorentina per l’Energia. Lo sfruttamento delle fonti di energia alternative comporterà invece una diminuzione del costo delle utenze per l’energia elettrica. Il risparmio non sarà dovuto alla riduzione nel costo delle bollette, ma ai corrispettivi che la stessa Agenzia verserà alla Provincia di Firenze a fronte della quantità di energia prodotta”.

Notizia precedenteCari lettori…
Notizia successivaScopriamo lo Slavia Praga

Ultime notizie

Cosa fare a Firenze nel weekend: gli eventi del 26 e 27 settembre

Bancarelle, vintage, fiere, spettacoli e musei a 1 euro: il meglio del programma per l'ultimo fine settimana di settembre

Giornate europee del patrimonio 2020: musei a 1 euro a Firenze e in Toscana

Visite guidate gratis, eventi e aperture serali dei musei a un prezzo simbolico: cosa vedere in Toscana per le Gep 2020

Spid, cos’è e come richiedere il “codice” per i bonus di Inps e governo

Un solo nome utente e una sola password per accedere a tutti i siti: da quelli statali alle Regioni fino ai servizi comunali. Ecco la procedura per richiedere le credenziali uniche

Pin Inps addio: dal 1° ottobre serve lo Spid per richiedere i servizi online

Un piccola rivoluzione per l'accesso al portale dell'Istituto di previdenza: non si potrà più richiedere il Pin