sabato, 19 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica I vicini lanciano l'allarme, arrestato...

I vicini lanciano l’allarme, arrestato un topo d’appartamenti

E' successo a Bagno a Ripoli: i vicini hanno notato una figura sospetta che si aggirava nel giardino di una villetta e hanno chiamato il 112. I carabinieri hanno femato un uomo, mentre un altro è riuscito a scappare.

-

Arrestato un topo d’appartamenti dai carabinieri della Stazione di Bagno a Ripoli.

VILLETTA. I ladri non avevano aspettato lo notte per entrare in azione in una villetta a schiera di una zona residenziale di Bagno a Ripoli. All’imbrunire di ieri, quando i proprietari non hanno fatto rientro a casa, sono entrati in scena.

L’ALLARME. Ma alcuni vicini hanno notato una figura sospetta aggirarsi nel giardino della villetta e hanno allertato il 112, che ha subito inviato una pattuglia. Una volta sul posto, ai militari è bastato poco per capire che la vettura che si stava allontanando velocemente era a dir poco sospetta e l’hanno inseguita e fermata poco dopo.

L’ARRESTO. Il passeggero, però è riuscito a scendere dall’auto e a fuggire attraverso lil bosco. Il guidatore è stato bloccato e, una volta ritrovati alcuni monili, il bottino dell’ultimo colpo, è stato tratto in arresto. In macchina, di proprietà dell’uomo, un albanese 35enne, sono stati ritrovati anche alcuni attrezzi da scasso e appunto gli oggetti in oro che erano appena stati rubati, e che sono stati restituiti alla legittima proprietaria, mentre il 35enne è stato portato a Sollicciano.

Ultime notizie

La Rondine di Puccini al Teatro del Maggio musicale fiorentino

Molte accortezze anti-Covid, ma ancora tanta voglia di fare spettacolo. Al Maggio torna un titolo riscoperto del repertorio pucciniano

Il concerto dei Bowland a Villa Bardini (in streaming)

Un'esibizione speciale che sarà trasmessa sui social. Lattexplus lancia un nuovo progetto che lega insieme musica e location esclusive

Tessera elettorale smarrita o piena: cosa fare per ritiro, cambio o rinnovo

Persa, danneggiata o rubata: la procedura da seguire per richiedere il documento essenziale al momento del voto