Parco Albereta Liberi dai rifiuti

Guanti, sacchetti in mano, maglietta verde e tanta voglia di prendersi cura di una parte di città. 200 volontari, tra cui anche 50 bambini della scuola Carducci, hanno ripulito il parco dell’Albereta dalla sporcizia, nella mattinata di venerdì 17 maggio, per “Liberi dai rifiuti“. In tutto sono stati riempiti 70 sacchi, per un totale di 150 chili di rifiuti.

Si tratta dell’iniziativa di volontariato ambientale organizzata da Unicoop Firenze insieme a Legambiente, che con 17 tappe in altrettanti luoghi della Toscana tra fiumi, parchi urbani e spiagge, sta sensibilizzando i cittadini sull’importanza di azioni eco-compatibili. Questi appuntamenti sono l’ultima fase del progetto Ecooperare che ha dato vita anche alla prima guida partecipata all’ecologia quotidiana.

“Una Firenze plastic-free”

All’evento a Firenze sud ha partecipato anche il sindaco Dario Nardella: il primo cittadino si è armato di guanti e maglietta per dare la caccia ai rifiuti abbandonati da cittadini poco attenti all’ambiente.

“Sono felicissimo di questa e di altre iniziative che si stanno moltiplicando a favore dell’ambiente nella nostra città – ha commentato Nardella -. L’ambiente è un valore che dev’essere sempre più centrale nella politica. Alle nuove generazioni che ci chiedono impegni precisi non bastano le parole, dobbiamo portare i fatti: diminuzione del traffico veicolare, un Arno sempre più pulito e vivibile, iniziative contro l’inquinamento domestico, mobilità integrata per il contrasto alle emissioni, una Firenze plastic-free“.

Liberi dai rifiuti parco Albereta Firenze sud“Liberi dai rifiuti” non solo al parco dell’Albereta

Il prossimo appuntamento con “Liberi dai rifiuti” nell’area fiorentina è fissato per venerdì 24 maggio a Scandicci, con la pulizia delle sponde del fiume Greve. Partenza alle ore 9.30 dalla scuola primaria Dino Campana in via Allende, a poche centinaia di metri dal confine comunale con Firenze. A partecipanti sarà consegnato il kit con guanti e sacchetti, oltre a una maglietta “firmata” dal disegnatore Makkox e una piccola merenda offerta da Unicoop Firenze.