L’iniziativa prenderà il via da Campi Bisenzio per fare tappa a Firenze, in piazza della Signoria, dove l’assessore allo sport Barbara Cavandoli porterà i saluti dell’Amministrazione comunale, che ha dato il patrocinio al progetto insieme al Quartiere 1. Un gruppo di ciclisti raggiungerà Berlino attraverso la Svizzera, l’Austria e la Germania in un percorso di 1.000 chilometri in bicicletta fatto di fatica, incontri e di scambi sul tema della Pace con amministrazioni, associazioni, esperienze e gruppi.

Il gruppo ritornerà il 2 settembre dopo aver pedalato sulla pista ciclabile costruita sul tracciato dell’ex-muro e dopo visitato Berlino nei suoi aspetti più intimi e simbolici. In questi incontri i ciclisti del “Tandem di pace” porteranno in dono la riproduzione della pergamena con le firme dei sindaci delle città più importanti del mondo che si riunirono a Firenze, per volontà del sindaco Giorgio La Pira, nell’ottobre del 1955 per “dare fiato e speranza ad un mondo di pace dove si costruiscono ponti e si abbattono i muri”.

Nel gruppo sono presenti due ragazzi, Giovanni e Augustin, del Centro adolescenti Canapè, gestito dalla Cooperativa sociale Macramè, che racconteranno la cronaca giornaliera del viaggio sul blog www.untandemsopraberlino.splinder.com e sulla pagina del tandem di pace su facebook.

Ma non c’è solo il viaggio. Un tandem sopra Berlino è un progetto più complessivo che vede il coinvolgimento di associazioni, istituzioni, cittadini, scuole in una serie di iniziative che culmineranno in festa il 9 novembre a vent’anni esatti dopo la caduta del muro di Berlino.