sabato, 24 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica In bus col passeggino. Aperto

In bus col passeggino. Aperto

Da stamani, i dipendenti di Ataf stanno lavorando per togliere dagli autobus gli adesivi che indicano alle mamme di chiudere il passeggino prima di salire sull’autobus. Un’operazione che interessa tutti i 450 circa mezzi di Ataf e che sarà terminata per domani mattina.

-

“Le mamme con i passeggini potranno quindi salire sull’autobus senza dover chiudere per forza la carrozzina, con la possibilità di potersi accomodare nel vano centrale, cioè lo spazio sugli autobus destinato appunto alle carrozzine”, spiega il presidente di Ataf Filippo Bonaccorsi.

DURATA DEL BIGLIETTO. Per quanto riguarda l’aumento temporale del biglietto da una corsa dagli attuali 70 a 90 minuti, “raccogliamo con favore la richiesta del sindaco di Firenze, Matteo Renzi, in qualità di socio azionista di maggioranza in Ataf, di estenderne la durata – dichiara il presidente Bonaccorsi -. Abbiamo stamani stesso scritto alla scarl (società consortile formata da Ataf e Li-nea) per poter dare il via al cambiamento, secondo le norme e le procedure del contratto di servizio firmato dalla scarl suddetta con la Provincia di Firenze. Contiamo sul fatto che queste procedure siano espletate il prima possibile dai vari soggetti”.

Ultime notizie

Fiorentina a caccia della vittoria. Al Franchi arriva l’Udinese

L'anteprima di Fiorentina - Udinese in programma al Franchi domenica 25 ottobre alle 18: le probabili formazioni

L’Insolita Trattoria Tre Soldi di Firenze: quando il piatto trae in inganno

In via d'Annunzio nasce una trattoria 'insolita' di nome e di fatto: qui i piatti non hanno niente di canonico o ordinario e sono una continua sorpresa per gli occhi e per il palato.

Vaccino antinfluenzale 2020 in Toscana: quando, dove e come farlo

Per chi è a costo zero e quando è l'inizio: quello che c'è da sapere sul vaccino antinfluenzale in Toscana per la stagione 2020-2021, in piena emergenza Covid

Ludopatia: il Covid non ferma il gioco d’azzardo patologico

Aumentano i giocatori d’azzardo patologici e si temono gli effetti della crisi Covid. Una cura c’è, ma bisogna agire subito