Per la gara di Champions League dovrebbero infatti arrivare in città circa 2700 tifosi tedeschi, che giungeranno da Monaco con 26 pullman, in aereo nei tre aeroporti di Pisa, Firenze e Bologna e con circa 700 in auto. Tra loro, è previsto anche l’arrivo di una cinquantina di ultrà, motivo per cui i controlli saranno particolarmente rigorosi, considerato che alcuni di loro si sono resi protagonisti di intemperanze in una recente partita in Spagna.

Sono già mille i tifosi tedeschi in città da ieri sera: in base a quanto spiegato dalla questura, la maggior parte di loro ha pernottato in alberghi di Firenze, mentre altri, arrivati a bordo di camper, hanno trascorso la notte nel parcheggio davanti allo stadio messo a loro disposizione. Altri tifosi continuano – e continueranno ad arrivare costantemente per tutta la giornata – con pullman, treni e aerei.

Per questo, dopo la riunione del comitato provinciale per l’ordine pubblico che si è tenuta ieri a palazzo Medici Riccardi, il prefetto Andrea De Martino,  ha deciso che saranno “rafforzati i servizi di vigilanza e controllo del territorio cittadino, anche con l’impiego di unità cinofile“, ma non solo. “Severi accertamenti amministrativi  verranno effettuati anche nei confronti degli esercenti pubblici per verificare il rispetto dell’ordinanza con la quale il prefetto ha disposto ieri il divieto di vendita e somministrazione di alcolici, superalcolici e bevande in contenitori di vetro e lattina”, spiega una nota della Prefettura.

Ma non si è parlato solo di Bayern Monaco: nel corso della riunione di ieri, infatti, è stata esaminata anche la partita di campionato Fiorentina-Atalanta, che si disputerà a Firenze domenica 9 novembre: tenendo presenti le indicazioni fornite dal comitato di analisi per la sicurezza delle manifestazioni sportive, il prefetto De Martino ha disposto la vendita di un solo biglietto per spettatore ospite, oltre che l’incedibilità del titolo.