venerdì, 9 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica In difesa della scuola pubblica

In difesa della scuola pubblica

n importante incontro tra i sindacati e l'assessore all'istruzione, formazione e lavoro, quello avvenuto oggi, 11 giugno. I sindacati della scuola Cgil, Cisl e Uil hanno presentato un documento che riassume i principali problemi irrisolti.

-

Ciò che emerge dall’incontro è l’esistenza di preoccupazioni comuni. Le problematiche sollevate dai sindacati risultano essere ampiamente condivise dalla Regione, anch’essa preoccupata per effetti dei provvedimenti del governo che, anche in Toscana, si faranno sentire a partire dal prossimo settembre.

In primo luogo, i 1460 insegnanti e i 700 operatori in meno nella scuola toscana, per proseguire con i problemi legati alla riduzione delle compresenze di insegnanti alle elementari, alla riduzione di orario nella scuola secondaria inferiore, al sovraffollamento delle classi causato dal  sottodimensionamento degli organici.

“Le scelte del governo considerano la scuola non come un bene sul quale investire per farne una leva di sviluppo, ma come un costo da tagliare quando occorre ridurre le spese. Sono scelte profondamente sbagliate anche rispetto a questa critica fase della nostra economia”. Una posizione chiara, quella espressa dall’assessore all’istruzione, formazione e lavoro.

L’assessore ha inoltre ricordato che le Regioni hanno chiesto un incontro urgente il ministro Gelmini, per poter avere chiarimenti sui futuri effetti locali delle scelte del governo. In questi giorni sta inoltre procedendo l’iter del ricorso costituzionale fatto dalla Toscana contro il provvedimento del ministro dell’istruzione. 

Un importante momento di dialogo, quello di oggi con i sindacati, durante il quale l’assessore ha sottolineato che “La Regione non farà mancare il suo appoggio, con tutti gli strumenti a sua disposizione, alle organizzazioni sindacali impegnate nella battaglia per la difesa della scuola pubblica e il diritto allo studio di tutti gli studenti”.

Notizia precedente“Le Muse” del 2009
Notizia successivaUn orto botanico al Meyer

Ultime notizie

Piazza Nencini? No, a Firenze sud c’è piazza del Bandino

Nasce l’idea di intitolarlo a Gastone Nencini, ma il nome di quello slargo è uno solo per tutti: piazza del Bandino. Adesso lo sarà anche nelle carte del Comune di Firenze

5 cose da sapere sulla mostra di Tomás Saraceno a Firenze

Ultimi giorni per vedere la mostra "Aria" di Tomás Saraceno nelle stanze del fiorentino Palazzo Strozzi. 5 curiosità e informazioni utili per la visita

Giornate Fai d’autunno 2020: a Firenze e in Toscana 35 luoghi aperti

Da un micro-teatro, alla quercia monumento, fino a 3 vagoni da Oscar. I più interessanti luoghi da visitare in Toscana per le Giornate Fai di autunno, che nel 2020 si svolgono su 2 weekend

Eugenio Giani è presidente della Regione Toscana, presto la nuova giunta

A metà ottobre i nomi degli assessori della giunta regionale. Giani è diventato ufficialmente presidente della Toscana