venerdì, 27 Novembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Incendio alla mega-centrale dei siti,...

Incendio alla mega-centrale dei siti, in arrivo una class action

Venerdì scorso il blackout che ha scatenato il panico nel web italiano: il maxi-server di Aruba si è fermato dopo un principio di incendio. In queste ore le associazioni dei consumatori studiano la possibilità di fare causa all'azienda.

-

Venerdì scorso il blackout che ha diffuso il panico nel web italiano: il maxi-server di Aruba, gigante nella fornitura di servizi online, si è fermato dopo un principio di incendio nel quartier generale di Arezzo. In queste ore le associazioni dei consumatori studiano la possibilità di fare causa all’azienda, tramite una class action, chiedendo un risarcimento per tutti gli utenti danneggiati dai disservizi.

IL ROGO. Le fiamme nella serverfarm principale di Aruba, che hanno interessato solo gli Ups e non i server dove sono archiviati i dati, hanno infatti creato grossi problemi: milioni di siti sono rimasti off line per molte ore, inaccessibili anche le caselle di posta. E dopo l’emergenza, Aruba ha continuato anche nei giorni scorsi i test sull’impianto elettrico.

CLASS ACTION. Le associazioni dei consumatori sono adesso sul piede di guerra a seguito. Il Codacons, ad esempio, sta studiando la possibilità di intentare una class action, un’azione collettiva in favore dei clienti di Aruba, danneggiati dai disservizi. “Si tratta – hanno fatto sapere dal Codacons – di un danno economico enorme, soprattutto per chi lavora con la posta elettronica e per chi gestisce la propria attività attraverso il web”.

RISARCIMENTO. L’associazione mira a far ottenere agli utenti un risarcimento proporzionato al tempo di sospensione del servizio e ai danni economici subiti. Chi è interessato può collegarsi al blog del presidente Codacons, Carlo Rienzi e fornire una pre-adesione illustrando i danni subiti.

Ultime notizie

Palestre, il 3 dicembre è troppo presto: la riapertura slitta al 2021

Il 3 dicembre scade il Dpcm e ci si interroga su quando riapriranno le palestre: ma della riapertura se ne riparlerà nel 2021

Messa di Natale 2020 anticipata prima di mezzanotte con il nuovo Dpcm?

Il nodo della messa di mezzanotte. Il governo è al lavoro sul nuovo Dpcm e si pensa a un coprifuoco anticipato per la notte di Natale e Capodanno

Zona arancione e rossa, visita ai congiunti: si può andare fuori comune?

Si possono vedere i congiunti che abitano in Comuni diversi? E si possono portare i bambini dai nonni? Le regole del Dpcm per le zone arancioni e rosse, le ipotesi per il nuovo decreto (dopo il 3 dicembre)

Cosa cambia e cosa succede con il nuovo Dpcm dopo il 3 dicembre 2020

Governo al lavoro sul nuovo decreto anti-Covid: spostamenti tra regioni, coprifuoco anticipato, riapertura dei ristoranti la sera, palestre e feste in casa. Le anticipazioni e le ipotesi