domenica, 1 Agosto 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaInchiesta smog, a giudizio Domenici...

Inchiesta smog, a giudizio Domenici e Martini

Rinvio a giudizio, per l’inchiesta sull’inquinamento atmosferico da Pm10 e biossido di azoto nel territorio del capoluogo toscano dal 2005, per il presidente della Regione Toscana Claudio Martini e il sindaco di Firenze Leonardo Domenici.

-

Oltre a Domenici e Martini, a processo anche i sindaci, ancora in carica o ormai ex, di Scandicci, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Signa e Calenzano, gli assessori all’ambiente di queste amministrazioni e del Comune di Firenze nei periodi a cui si riferisce l’indagine e l’ex assessore regionale all’ambiente Marino Artusa. Per loro, le accuse sono di getto pericoloso di cose, con riferimento alle emissioni di gas nell’aria e rifiuto di atti d’ufficio. La prima udienza è fissata il prossimo 3 ottobre prossimo.

LE REAZIONI

E le reazioni non si sono fatte attendere. In una conferenza stampa, il primo cittadino fiorentino ha risposto immediatamente alle accuse. “Ritengo l’accusa mossa a me e agli altri amministratori ridicola e infondata – ha detto Domenici – noi siamo convinti della bontà, della validità e dell’efficacia delle politiche contro l’inquinamento che portiamo avanti e che hanno portato a dei risultati. Continueremo su questa strada. Se ci fosse stata una nostra totale inerzia, avremmo compreso l’iniziativa della magistratura. Ma qui si dà volutamente un giudizio di merito sulle nostre politiche, ritenute inefficaci e sbagliate: è un’indebita interferenza sull’azione delle pubbliche amministrazioni“.

Queste le prime parole del sindaco Leonardo Domenici, rinviato a giudizio nell’inchiesta sull’inquinamento atmosferico da Pm10 insieme al presidente della Regione Claudio Martini, all’assessore comunale all’ambiente Claudio del Lungo e ai sindaci di Sesto Fiorentino, Scandicci, Signa, Calenzano e Campi Bisenzio. “Mi aspettavo questo rinvio al giudizio, lo davo quasi per scontato; per questo non ho partecipato alle udienze preliminari – ha detto il sindaco – sotto un certo aspetto sono contento di questa decisione della magistratura: perché mi auguro che il processo fissato ad ottobre diventi un grande fatto nazionale, in una sede dove porremo rispondere e contrattaccare. Lo dico anche come presidente dell’Anci, anche interpretando le preoccupazioni di molti colleghi che si trovano in condizioni molto peggiori delle mie, visto che la situazione di Firenze è migliore rispetto alle altre città italiane“.

E qui Domenici ha citato una recente classifica pubblicata dal settimanale l’Espresso, che vede il capoluogo toscano in testa per quanto riguarda l’impegno e i risultati contro l’inquinamento.”Se mi chiedete se le nostre azioni contro l’inquinamento siano sufficienti o meno, sono il primo a dire che si può e si deve fare di più: ma questo significa chiamare alla corresponsabilità altri livelli istituzionali, prima di tutto quello nazionale. Si potrebbe fare di più, soprattutto se i comuni avessero più risorse e se i governi che si sono succeduti in questi anni non avessero tagliato i fondi. Questo aspetto va sottolineato. Siamo dalla parte della tutela della salute dei cittadini, ma la tutela dei cittadini la possiamo perseguire se ci sono risorse adeguate. Ma un conto è dire si può e deve fare di più un conto è dire che ciò che facciamo e inefficace e sbagliato, come fa la procura di Firenze. Perché – continua il sindaco di Firenze – in questo caso si delinea una interferenza indebita del potere giudiziario nella discrezionalità decisionale della pubblica amministrazione. Qui si entra nel merito si dà una valutazione, si esprime un punto di vista (non so nemmeno con quanta fondatezza tecnico-scientifica) sulla validità delle politiche che portiamo avanti”.

A questo proposito, Domenici ha citato un decreto del tribunale di Milano del luglio 2005, sull’archiviazione di una analoga inchiesta portata avanti in quella città. Queste le parole del tribunale: “In tale contesto non si vede come possano essere ipotizzate fattispecie di reato e come sia correttamente praticabile una interferenza dell’Autorità giudiziaria che vada e sindacare le scelte della pubblica amministrazione competente”. “Voglio dire molto chiaranente una cosa, rispetto ai rapporti con la procura di Firenze – ha detto ancora Domenici – Se c’è o ci fosse in qualche modo in qualche misura un possibile, eventuale (a mio parere improbabile) pregiudizio della procura di Firenze nei confronti delle amministrazioni locali, e in particolare quella del Comune di Firenze, a me non interessa. Questa è una questione che vedranno gli avvocati nelle sedi proprie”, durante il processo. “Noi continueremo sulla nostra linea – ha concluso il sindaco – cercheremo di renderla ancora più stringente a tutela della salute dei cittadini. E utilizzeremo anche questa vicenda per premere sul governo nazionale, al fine di avere risposte più significative e risorse maggiori per poter rendere più forti le nostre iniziative”.

Ultime notizie