mercoledì, 23 Giugno 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaIntercettazioni e legalità, se ne...

Intercettazioni e legalità, se ne parla in un convegno

Domani (venerdì 4 giugno) all'Accademia Arti e Disegno, è in programma un convegno sul tema di intercettazioni e legalità, organizzato da Silp Toscana. Tante le personalità che parteciperanno al dibattito

-

Susanna Agostini (consigliera del Pd  e presidente della commissione pace) parteciperà domani al  convegno “Intercettazioni – legalità, diritti e informazione” che si svolgerà alle 10 in via Orsanmichele 4 presso l’Accademia delle Arti e del Disegno.

L’evento è organizzato da Silp Toscana, dall’associazione magistrati e dalla Federazione nazionale della stampa. Fra gli altri interverranno il segretario Cgil Toscana Alessio Gramolati, la senatrice Silvia della Monica, il giornalista di ‘Repubblica’ Carlo Bonini, Paolo Canessa dell’associazione nazionale magistrati. “Al Senato – ha detto Agostini – l’8 giugno i nostri parlamentari riprendono la parola sulle nuove norme in materia di intercettazioni telefoniche e libertà di espressione, il ddl 1611 (e connessi). Auspico che si renda possibile ogni approfondimento e confronto politico su una materia delicata come quella delle intercettazioni e delle libertà di espressione. Sono preoccupata che un patrimonio giuridico e morale parte integrante della formazione democratica del nostro Paese, possa essere contraddetto, offuscato, da leggi ad personam sulle quali i cittadini italiani non hanno in alcun modo avuto la possibilità di esprimersi”.

Susanna Agostini ha poi ringraziato il Siulp per aver organizzato “un incontro tanto importante quanto utile. Vorrei – ha aggiunto Agostini – invitare a partecipare numerosi a questo momento di riflessione. E’ importante cercare la verità, perché come continua a dire il procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso ‘non c’è giustizia senza verità’. Le intercettazioni si sono spesso rivelate fondamentali ed è evidente che la loro eliminazione o forte riduzione segnerebbe una battuta d’arresto o un forte rallentamento nelle indagini”.

Ultime notizie