venerdì, 12 Agosto 2022
HomeSezioniCronaca & PoliticaLa Cgil mette al bando...

La Cgil mette al bando Facebook

La Cgil di Borgo dei Greci bandisce Facebook dai computer degli uffici. Accesso negato al social network per dipendenti, funzionari e dirigenti della Camera del Lavoro di Firenze.

-

Pubblicità

Niente chat private, né commenti spiritosi alle foto pubblicate dagli amici. La Cgil mette al bando Facebook: non sarà più possibile accedere al social network dai computer degli uffici di Borgo dei Greci.

 

Pubblicità

SOLO PER USI PUBBLICI. Niente uso privato di Facebook per dipendenti, funzionari e dirigenti della Camera del Lavoro di Firenze. Al contrario, sarà possibile continuare ad accedere utilizzando i profili dei vari settori del sindacato. Ma solo per scopi legati alle attività della Cgil.

SVAGO FUORI ORARIO. Non è la prima volta che il più popolare dei social network viene bandito dai luoghi di lavoro. Prima della Cgil era intervenuto lo stesso ministro Brunetta, per incitare gli uffici pubblici a tagliare fuori i siti internet di svago. Già un paio di anni fa le Poste Italiane hanno bloccato l’accesso ai propri dipendenti, seguite a ruota dalla Provincia di Milano e dalla Regione Lombardia.

Pubblicità

L’ESEMPIO USA. Negli Stati Uniti, dove ha preso vita il fenomeno, è raro che le aziende private concedano ai propri dipendenti di collegarsi a Facebook o siti simili, preferendo invece un’altra strada: quella di mettere a disposizione dei lavoratori spazi dedicati alla socializzazione.

…E QUELLO DI NAPOLI. In alcuni uffici napoletani, invece, si è optato per un uso razionato del social network, in stile “pausa caffè”: un’ora al giorno suddivisa in tranche da 10 minuti.

Pubblicità

Ultime notizie