domenica, 29 Marzo 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica La Croce Rossa chiede aiuto...

La Croce Rossa chiede aiuto a Scandicci

#sostengocriscandicci è la nuova campagna di crowdfunding della Croce Rossa per raccogliere fondi per completare i lavori della nuova sede, fermi da un anno

-

I lavori per la nuova sede sono fermi da un anno. Ma l’attività della Croce Rossa di Scandicci non si è fermata un solo giorno. Era il 13 marzo 2017 quando le fiamme divamparono nel cantiere in via Vivaldi, in quella che da lì a un paio di mesi avrebbe dovuto diventare la nuova casa della Croce Rossa.

Dopo l’incendio il comitato scandiccese della Cri, tramite il proprio legale, chiese l’interdizione del cantiere e la nomina di un consulente tecnico d’ufficio per fare una verifica congiunta con i periti di tutte le aziende e i professionisti che avevano lavorato nell’area. Il procedimento legale si è interrotto dopo il fallimento di una delle ditte, è stata presentata una nuova istanza: nel frattempo è passato un anno senza che sia stato possibile fare la verifica dei danni, dello stato dell’edificio e quindi dei lavori, dei costi e dei tempi necessari per concludere gli interventi.

La Cri, che conta 180 volontari di cui 60 attivi quotidianamente, però ha continuato la sua attività: la macchina del soccorso non si è mai fermata, anzi a fine 2017 abbiamo fatto il 15 per cento in più di servizi”, dice il presidente Gianni Pompei. Dagli ultimi giorni di febbraio è partito anche un progetto Afa, di attività fisica adattata per anziani. “Ci siamo rimboccati le maniche, superando disperazione e alibi, scommettendo tutto sulla nostra forza di fare del bene”.


 

Una mano per trovare una casa provvisoria è arrivata dal Comune che ha concesso in comodato d’uso i locali di sua proprietà dell’ex liceo Alberti. Una sistemazione temporanea: l’edificio è stato venduto, “ma il bando prevede che il passaggio tra Comune e proprietario avverrà solo a progetti approvati, ciò ci dà un po’ di respiro, confido di avere almeno dodici mesi davanti a noi e nel frattempo auspico di avere risposte sulla sede di via Vivaldi”, afferma Pompei.

Ora, dopo 25 anni al sevizio di Scandicci, è la Croce Rossa a chiedere aiuto alla città. Proprio il 13 marzo verrà lanciata la campagna di crowdfunding #sostengocriscandicci, per raccogliere fondi per completare la nuova sede e “accantonare quello che può essere raccolto per ogni evenienza” spiega Pompei. “Se ci aiutate, vi aiutiamo 365 giorni all’anno giorno e notte” è l’appello.

IL PROGETTO ANDATO IN FIAMME

I lavori per la nuova sede della Cri sono iniziati nel gennaio 2016, in un terreno comprato due anni prima. Un progetto che guarda al futuro: nell’edificio, eco-sostenibile, oltre a sala riunioni, camere, spogliatoi e cucina, spazi per beneficenza e formazione, è prevista un’area dedicata ai più piccoli, con baby parking e baby point, ambulatori per assistenza pediatrica, dentisti per bambini, ginecologi e ostetriche. Nel progetto la Cri ha investito 800 mila euro.

 

SalvaSalva

SalvaSalva

Ultime notizie

Coronavirus, il bonus da 600 euro anche ai professionisti

Il bonus da 600 euro esteso anche ai professionisti delle casse private con il decreto del ministro Catalfo: a chi spettano

Coronavirus in Toscana: la mappa del contagio e le ultime notizie (27 marzo)

Le ultime notizie sul contagio da coronavirus in Toscana, aggiornamento del 27 marzo: la mappa, il numero dei casi, i dati per provincia

Coronavirus in Toscana: i dati e le notizie del 28 marzo

I dati del contagio restano alti: 252 nuovi casi e 21 morti, ecco le ultime notizie sul coronavirus nel bollettino della Toscana del 28 marzo

Paghi oggi, mangi domani: i dining bonds anche a Firenze

Funzionano come un voucher: lo acquisti oggi e ti godi la cena a fine quarantena. I dining bonds arrivano anche a Firenze e dintorni