giovedì, 25 Febbraio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica La fine di un'era al...

La fine di un’era al Pronto Soccorso Santa Chiara di Pisa

Nessuna conseguenza per il trasferimento del pronto soccorso dall'ospedale Santa Chiara a quello di Cisanello dove ieri è stata inaugurata la nuova struttura del Dea. Circa cinquanta pazienti sono stati trasportati nella nuova struttura ospedaliera che, nel 2011, arriverà a gestire 100 mila accessi.

-

Nessuna conseguenza per il trasferimento del pronto soccorso dall’ospedale Santa Chiara a quello di Cisanello dove ieri è stata inaugurata la nuova struttura del Dea. Circa cinquanta pazienti sono stati trasportati nella nuova struttura ospedaliera che, nel 2011, arriverà a gestire 100 mila accessi.

NUOVA STRUTTURA. Si è completato senza alcun problema il trasferimento dei 50 pazienti, ricoverati al pronto soccorso dell’ospedale Santa Chiara, nella nuova struttura ospedaliera di Cisanello nella quale, ieri, è stato inaugurato il Dipartimento Emergenza Accettazione (Dea).

FINE DI UN’ERA. Il trasferimento, avvenuto alle 20 di ieri sera, ha chiuso ufficialmente l’attività di pronto soccorso che l’ospedale pisano Santa Chiara effettuava da 750 anni.

PERCORSO. Durante il tragitto tra le due strutture ospedaliere, le ambulanze sono state scortate dalle forze dell’ordine e tutto è andato secondo le previsioni senza riscontrare alcun intoppo di percorso.

DEA. La nuova struttura del Dea è supertecnologica e si stima che, nel 2011, arriverà a gestire fino a 100 mila accessi, numero che fino ad oggi era stato impossibile da immaginare.

Ultime notizie

Zone rosse in Toscana: in arrivo micro-lockdown contro le varianti del Covid

Da Pistoia a Siena passando da alcuni comuni dell'empolese (Firenze:) si pensa a micro zone rosse in Toscana per fermare l'avanzata delle varianti del Covid

Quando esce il nuovo Dpcm Draghi e quando entra in vigore il decreto

Stop alle riaperture e regole anche per Pasqua: quando esce il nuovo Dpcm del governo Draghi, quando entra in vigore e quando scade

Zona arancione e rossa: visita a congiunti, fidanzati e amici fuori comune

Il nuovo decreto Covid del governo Draghi aggiorna le regole sugli spostamenti. Si può andare a casa di congiunti, parenti o amici che abitano in comuni diversi, se ci si trova in zona arancione o rossa?

I comuni della Toscana in zona rossa e quelli a rischio

Alta l'allerta per le varianti del Covid-19. La lista dei comuni a rischio zona rossa si allunga e la Regione potrebbe decidere nelle prossime ore insieme ai sindaci nuovi territori rossi