martedì, 19 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica La "Giornata dei migranti"

La “Giornata dei migranti”

Domenica 18 gennaio verrà celebrata la Giornata Nazionale dei Migranti e dei Rifugiati, per la quale la Fondazione Migrantes della Conferenza Episcopale Italiana quest'anno ha scelto la regione Toscana.

-

La festa avrà inizio alle 10,45 con la celebrazione della santa messa nella Basilica di Santo Spirito, presieduta dall’Arcivescovo Giuseppe Betori e animata dai canti di alcune comunità straniere, che sarà trasmessa in diretta su Raiuno. Alle 12,30 le varie comunità parteciperanno a un pranzo al Convitto della Calza in piazza della Calza 6, mentre alle 15 sarà dato spazio alle testimonianze, ai canti e alle danze.

Spazio anche per i bambini, che potranno divertirsi con giochi e spettacoli di burattini. Alla giornata parteciperanno anche l’assessore all’accoglienza e integrazione Lucia De Siervo e il direttore nazionale della Fondazione Migrantes don Piergiorgio Saviola.

Ultime notizie

In zona gialla si può uscire dal comune, non dalla regione: le regole

Sì agli spostamenti fuori comune, ma non si può uscire dalla regione: le regole per la zona gialla e le eccezioni per gli spostamenti verso le seconde case e per andare a fare visita a parenti, fidanzati e amici

A che ora parla Conte al Senato e quando è il voto di fiducia: la diretta

Conte parla due volte al Senato, poi il voto: a che ora si saprà se il governo avrà avuto la fiducia e tutti gli orari per seguire in diretta tv e streaming questa lunga giornata

Musei di Firenze aperti (anche gratis): nuovi orari 2021, dagli Uffizi a Boboli

L'apertura dei musei di Firenze dopo lo stop per il Covid: i nuovi orari per la zona gialla e tutti i luoghi d'arte aperti, dalle Gallerie degli Uffizi ai musei civici

Henry Moore, a Firenze 50 anni dopo. Il ricordo di Antonio Natali

Era il 1972, per la prima volta il Forte Belvedere ospitava una grande mostra d’arte contemporanea. Oggi le opere del celebre artista inglese tornano in città: “Ma non siamo cambiati per niente”. Il racconto dell’ex direttore degli Uffizi