martedì, 2 Giugno 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica "La tassa? Un passo indietro"

“La tassa? Un passo indietro”

Immigrazione, prende la parola il presidente del Consiglio regionale Riccardo Nencini, per dire "no" alla tassa sui permessi di soggiorno. "E’ inaccettabile – ha detto Nencini – penalizzare gli immigrati, la tassa rappresenterebbe un passo indietro nelle politiche di integrazione".

-

Anche Riccardo Nencini dice no alla tassa sui permessi di soggiorno. “Raccolgo l’appello che mi è stato rivolto da Acli per una maggiore tutela degli immigrati che portano forza lavoro e che rappresentano un arricchimento culturale anche per la nostra Toscana”, ha spiegato il presidente del Consiglio regionale della Toscana, risponde alle Associazioni cristiane lavoratori italiani che chiedono alle istituzioni un maggiore impegno a difesa dei più emarginati e un no deciso alla tassa sui permessi di soggiorno.

“E’ inaccettabile – ha aggiunto Nencini – penalizzare gli immigrati, la tassa rappresenterebbe un passo indietro nelle politiche di integrazione. Tra le finalità del nostro Statuto regionale – lo ricordo – si parla di accoglienza solidale delle persone immigrate, secondo i principi del pluralismo delle culture, del reciproco rispetto e dell’integrazione sociale”.  

 

Ultime notizie

La Fiorentina riparte il 22 giugno

Dodici giornate da giocare tutte in orario serale

Viaggi all’estero, in quali paesi possono andare gli italiani

I paesi in cui si può andare e quelli che ancora non vogliono gli italiani: dal 3 giugno via libera ai viaggi all'estero nei paesi Schengen

Cinema all’aperto 2020: a Firenze le arene estive pronte a ripartire

Posti distanziati, ma sotto le stelle. Il grande schermo si sta per riaccendere, seguendo le linee guida anti-Covid. Ecco i primi cinema che hanno annunciato la riapertura

Coronavirus, la mappa e l’andamento del contagio in Toscana

Tutto quello che c'è da sapere sull'andamento dei casi di Covid-19 nella nostra regione: la mappa, i nuovi contagi, i dati per provincia pubblicati nel nuovo bollettino della Regione