domenica, 20 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica L'albero di Natale diventa un'opera...

L’albero di Natale diventa un’opera d’arte. In legno riciclato / FOTO

Flo Concept Store ha chiesto alla scenografa Eleonora Spezi di reinterpretare il Natale: la scelta dell'artista per il suo ''albero d'autore'' è caduta su grucce, bancali e vecchi tronchi. Ed ecco il risultato.

-

Un “albero d’autore” in legno riciclato. E’ quello che sarà possibile ammirare da domani sera nella vetrina di Flo Concept Store, boutique di lungarno Corsini 30/34 rosso. Venerdì 30 novembre dalle 18 alle 21 sarà presentata l’installazione site specific realizzata da Eleonora Spezi.

ALBERO? NO, OPERA D’ARTE. Dopo l’installazione realizzata ad hoc lo scorso anno da Giovanni Erbabianca, Flo Concept Store ha deciso di replicare l’idea chiedendo alla scenografa Eleonora Spezi di reinterpretare il Natale, creando un’opera unica concepita e realizzata su misura del social business. Il risultato è un’installazione sui generis, che riprende in tutto e per tutto le fattezze dei più classici alberi di Natale, ma strizza l’occhio al mondo di Flo, un universo curioso e mai banale, che va oltre l’apparenza. Più che un semplice albero di Natale, un’opera d’arte pensata per riflettere alla perfezione la filosofia dello store che la ospita. Quella realizzata da Eleonora Spezi per Flo Concept Store è un’installazione site specific che, oltre a dare il benvenuto al periodo natalizio, rispecchia la vision del social business fiorentino. Stile, originalità, artigianalità, ricerca e impegno: queste le note che compongono una sinfonia semplice e diretta, che scommette sulla necessità di far dialogare un prodotto speciale con un impegno concreto, come quello assunto quotidianamente dal social business dando lavoro a persone svantaggiate e spazio a piccole aziende che realizzano prodotti belli con materie di prima scelta.

GRUCCE, BANCALI E VECCHI TRONCHI. E se l’anno passato il file rouge era il metallo, quest’anno la riflessione dell’artista chiamata a realizzare “l’albero d’autore”, si è spostata su materiali più caldi: legni e derivati che compongono l’anima della scultura. Grucce, bancali e vecchi tronchi danno vita ad una rivisitazione del più classico – ma non sempre bello, né ecologico – abete verde, addobbato e illuminato. Anche quest’anno Flo Concept Store ha deciso di investire sulla creatività offrendo un benvenuto speciale a chi si affaccerà durante le feste alle vetrine sul Lungarno Corsini.

LE IMMAGINI:

{phocagallery view=category|categoryid=516|limitstart=0|limitcount=0}

 

LA CREAZIONE. “La proposta ricevuta da Flo per la realizzazione di un’installazione natalizia – spiega Eleonora Spezi, che ha lavorato a lungo al suo albero speciale – mi ha fatto fantasticare attorno ad un mondo caldo ed accogliente”. “Ho immaginato un albero che fosse realmente di legno – aggiunge l’artista – e che avesse le sue forme tradizionali, utilizzando però legni dedicati ad altri scopi”. Stampelle, cassetti, bancali e altri materiali di riuso sono stati scelti per diventare i rami e il sostegno dell’albero, “oggetti che si sono prestati alla perfezione per reinterpretare la forma classica dell’abete”.

LA CREATRICE. Eleonora Spezi è nata ad Anversa, in Belgio. Si è diplomata in Scenografia all’Accademia di Belle Arti di Firenze e ha vissuto per cinque anni a Praga, lavorando in teatro e nel cinema d’animazione. Attualmente collabora con il Centro Culturale Il Funaro di Pistoia; è scenografa, illustratrice e artigiana, particolarmente attenta ai materiali di recupero.

Ultime notizie

Elezioni regionali Toscana 2020, affluenza alta: alle ore 12 è del 14,67%

I dati sull'affluenza alle urne alle ore 12 del 20 settembre per le elezioni regionali 2020 della Toscana: aggiornamenti alle ore 19 e 23

Fiorentina-Torino, le immagini della gara

Biraghi, Castrovilli e Chiesa i migliori in campo

Referendum 2020: affluenza al 12,25% alle ore 12

I dati sull'affluenza al referendum 2020 sul taglio dei parlamentari a partire dalle ore 12 del 20 settembre. Sulle previsioni pesa l'incognita Covid