martedì, 22 Giugno 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaL'arte sposa l'artigianato, progetto 'In...

L’arte sposa l’artigianato, progetto ‘In hand’ in mostra

Approda a Firenze la mostra itinerante 'In hand', risultato del progetto omonimo nato due anni fa proprio nel capoluogo toscano per avvicinare arte ed artigianato. Dal 2008 sono stati promossi progetti, laboratori, un convegno internazionale e molti viaggi, permettendo ad artisti e artigiani di incontrarsi, affinare le proprie diversità e le proprie tecniche di lavorazione e realizzare insieme pregevoli lavori di arte artigiana.

-

Questi lavori saranno esposti dal 28 maggio nello spazio Sam al Coventino. Il progetto ha coinvolto quattro paesi e cinque città europee: Firenze per l’Italia, Limoges per la Francia, Burgas per la Bulgaria, Barcellona e Sant Feliu de Guixols per la Spagna. Sono stati chiamati a partecipare al progetto tre artisti e tre artigiani per ogni paese per un totale di 24 persone, alle quali si sono aggiunti tutti coloro che a titolo gratuito hanno voluto partecipare.

I risultati del progetto sono stati illustrati stamani in Palazzo Vecchio dal vicesindaco di Firenze Dario Nardella, il presidente e il direttore della Fondazione per l’Artiginato artistico Eugenio Taccini e Franco Vichi, coordinatore generale del progetto, il presidente della Scuola professionale edile Marzio Cacciamani e la storica dell’arte Cristina Degl’Innocenti, curatore scientifico del progetto.

Ritrovare e recuperare la vicinanza fra arte e artigianato, che nel passato era scontata e naturale, non è affatto facile – ha detto Nardella – Come non è facile sia ritrovare linguaggi comuni alle diverse forme d’arte e all’artigianato, sia far circolare le idee e le esperienze oltre i confini della propria città e del proprio paese. Per questo il progetto ‘Inhand’, che non a caso è nato proprio a Firenze, può considerarsi un fiore all’occhiello per la nostra città e per la Fondazione Artigianato Artistico che l’ha promosso e sostenuto. L’idea di considerare l’artigianato non solo come attività strettamente connessa al turismo, ma come attività lavorativa ai livelli più alti di innovazione ed arte, è pienamente condivisa dall’amministrazione comunale, che ha proprio questo fra gli obiettivi da perseguire nel suo mandato e nella sua attività”.

Ultime notizie