I ragazzi delle scuole dell’obbligo e le loro famiglie potranno ricevere informazioni sulle offerte formative per i vari livelli di istruzione. Saranno presenti oltre 40 scuole fiorentine, dai licei agli istituti tecnici e professionale fino agli istituti alberghieri, ognuna con un proprio stand dove insegnanti e operatori informeranno famiglie e ragazzi sulle proprie attività, i progetti e le convenzioni con altri istituti europei.

Le scuole presenteranno i propri laboratori, gli audovisivi, i lavori realizzati in vista delle pre-iscrizioni di febbraio prossimo. I ragazzi degli istituti a indirizzo turistico e alberghiero si occuperanno dell’accoglienza al pubblico, organizzando anche un buffet per i visitatori. Per maggiori informazioni telefonare allo 055.276783-7840-7853.

“L’iniziativa permette di informare i giovani sulle offerte scolastiche, così da evitare errori nella scelta del percorso formativo che molto spesso determina abbandoni scolastici – ha spiegato l’assessore alla pubblica istruzione Daniela Lastri -. Parteciperà anche l‘Informagiovani nato nel 1988 ed ora tornato nella sua sede storica nel vicolo Santa Maria Maggiore”.

“Quest’anno, poi – ha continuato Lastri -, le scuole devono fare i conti con la riforma che inciderà sulle primarie per il tempo pieno e sugli istituti professionali con una diminuzione di ore in alcune discipline. Sono previsti tagli di otto miliardi di euro ed oltre 100.000 docenti in meno fino al 2012. Auspico quanto prima il referendum abrogativo della legge di riforma scolastica”.

“Grazie al costante impegno finanziario ed organizzativo del Quartiere 2, a cui si è aggiunta una sempre più stretta collaborazione di Comune e Provincia, la manifestazione ha raggiunto quest’anno il traguardo dei dodici anni di vita – ha sottolineato Gianluca Paolucci, presidente del Quartiere 2 -. Sin dall’inizio abbiamo ritenuto che fosse anche nostro compito fornire agli studenti e alle famiglie tutti gli strumenti e le occasioni possibili perché possano diventare protagonisti del loro futuro”.