L’illuminazione è stata realizzata grazie alla Silfi (la società che gestisce l’illuminazione a Firenze) e alla Camera di Commercio, che ha dato un finanziamento di 35.000 e durerà fino al 7 gennaio. Le zone dove saranno allestite alcune suggestive scenografie luminose sono la Loggia dei Lanzi e la Fontana di Nettuno in piazza della Signoria, Porta San Niccolò in piazza Poggi, la Torre della Zecca in piazza Piave, la Porta Santa Croce in piazza Beccaria e Porta Romana nel piazzale Porta Romana.

“Il periodo festivo di fine anno senza le luci di Natale non sembrerebbe festa – ha commentato Luca Mantellassi, presidente della Camera di Commercio -. La Camera di Commercio contribuisce a illuminare almeno il cuore della città perché sia di buon auspicio alla ripresa e di stimolo ai consumi. Con l’augurio a tutti di pensare e agire in modo positivo per Firenze e le sue potenzialità inespresse”.

“La Silfi, sempre attenta alle istanze della città, in questo momento, non poteva sottrarsi nel fare la sua parte – ha detto Patrizia Zavataro, presidente di Silfi -. Questa realizzazione assieme agli alberi di Natale accesi all’ospedale Meyer e a Montedomini, vuole essere un auspicio di speranza per il futuro e l’augurio di un sereno Natale per la città”.