venerdì, 22 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Mattei incontra il Madagascar

Mattei incontra il Madagascar

Il presidente del Consiglio provinciale Massimo Mattei ha ricevuto, nella sua prima visita in città, l’ambasciatore della Repubblica del Madagascar in Italia Jean-Piere Razafy-Andriamihaingo, accompagnato dal futuro Console onorario per la Toscana Antonio Lacroce e dal dottor Sandro Alderighi.

-

Questi si occuperà, all’interno del consolato, dei rapporti internazionali. Mattei ha ricordato che “sono circa 3.500 le persone native del Madagascarben presenti sul territorio provinciale e tutte ben inserite nella nostra società. Da incontri come questi – ha spiegato il presidente Mattei – possono iniziare rapporti di collaborazione molto importanti per la Provincia che, del resto, intrattiene già rapporti internazionali e di gemellaggio con molte realtà provinciali, regionali e con paesi esteri. Il Madagascar è una nazione in crescita e siamo disponibili a collaborare con le forme che saranno ritenute più opportune”.

L’ambasciatore ha rilanciato, a questo proposito, l’idea di “lavorare insieme per un progetto di cooperazione internazionale” augurandosi un proficuo rapporto di amicizia.

Ultime notizie

Quanti contagiati oggi in Italia: oltre 13.000 casi e 472 morti

I dati del 20 gennaio dal bollettino sul coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia e quanti morti?

Multa Covid: come fare ricorso (ma si rischia il raddoppio della sanzione)

Fare ricorso al Prefetto non sempre conviene, anche quando viene notificata una multa per non aver rispettato le regole anti-Covid del Dpcm

Fiorentina, contro il Crotone è un’altra sfida salvezza

I viola provano a ripartire dopo la brutta sconfitta a Napoli. Preso l’attaccante Kokorin: le probabili formazioni di Fiorentina - Crotone

Covid 22 gennaio, Toscana: i dati di oggi, nuovi contagi sotto quota 500

Scendono leggermente i contagi e il tasso di positività: i dati del bollettino della Regione sul Covid in Toscana, aggiornati a oggi, 22 gennaio. Segno meno per i ricoverati. 16 i morti