giovedì, 24 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Maxiposacenere per protesta

Maxiposacenere per protesta

Un posacenere gigante in piazza Signoria per protestare contro il nuovo regolamento di polizia Uubana. I consiglieri comunali Jacopo Bianchi (Fi-PdL) e Jacopo Cellai (An-PdL) hanno espresso la loro contrarietà nei confronti delle norme contenute nel nuovo regolamento.

-

Regolamento che “sanziona senza aver predisposto le alternative alle violazioni. Oggi – spiegano i due esponenti del PdL – abbiamo collocato in piazza Signoria, accanto alla statua del Biancone, un portacenere del diametro di 70 centimetri per richiamare l’attenzione sulla mancata installazione di contenitori per i mozziconi di sigaretta in città a fronte delle nuove sanzioni previste dal regolamento”. L’iniziativa, che è stata realizzata grazie alla collaborazione del presidente del Comitato LaportAccanto Antonio Lenoci e del presidente del Comitato per la Vivibilità di Firenze Guido Castelnuovo Tedesco, ha l’obiettivo di “sollecitare la giunta Domenici a sospendere l’applicazione delle norme regolamentari che non possono essere rispettate dai cittadini, sia per la mancanza delle adeguate strutture sia la completa assenza di informazione. Chiediamo quindi che l’Amministrazione si attivi almeno a divulgare, nelle lingue più diffuse, la copia del regolamento recentemente approvato. Questo sia per la doverosa informazione ai cittadini sia per legittimare l’operato della polizia municipale che deve procedere con le sanzioni”.

Intanto, spiegano Bianchi e Cellai insieme a Lenoci e Castelnuovo Tedesco “abbiamo provveduto a diffondere un centinaio di copie del regolamento a coloro che assistevano alla pubblica protesta e che si dimostravano interessati ad avere una copia documento. Una conferma della completa assenza di informazione“. “Probabilmente – aggiungono gli esponenti del PdL – la rapida approvazione del regolamento prima della pausa estiva ha finalità mediatiche in vista del prossimo appuntamento elettorale: la sinistra deve infatti dimostrare a tutti i costi di avere cari i temi del decoro urbano e della sicurezza che non appartengono alla sua cultura politica e che adesso sono ritenuti vincenti”. Nello specifico della questione dei mozziconi di sigaretta, Bianchi e Cellai precisano che “l’articolo 7 del nuovo regolamento vieta di gettare oggetti accesi in luoghi pubblici o privati o non adibiti allo scopo o non autorizzati. Non a caso abbiamo richiesto attraverso un parare ai Vigili del Fuoco per sapere se gli attuali cestini e cassonetti della spazzatura sono idonei”.

Gli esponenti del PdL si domandano quindi se “il comportamento dell’amministrazione comunale non sia contraddittorio: da un lato multa chi getta i mozziconi a terra, come avvenuto a un turista di Catania che non ha utilizzato un vicino cestino, dall’altro non mette a disposizione la necessaria attrezzatura per rispettare le regole. Per questo abbiamo presentato un’apposita mozione per chiedere l’installazione di appositi posacenere nell’intento di educare cittadini e turisti a mantenere la città pulita e non certo per punire solo con lo spirito di far cassa”. Bianchi, Lenoci e Castelnuovo Tedesco aggiungono infine che “su www.sosconsigliere.it si potrà richiedere la consulenza gratuita di alcuni avvocati per impugnare i vari articoli del regolamento di Polizia Urbana per i quali cittadini e turisti sono stati sanzionati”.

Ultime notizie

Giornate europee del patrimonio 2020: musei a 1 euro a Firenze e in Toscana

Visite guidate gratis, eventi e aperture serali dei musei a un prezzo simbolico: cosa vedere in Toscana per le Gep 2020

Corri la vita 2020, qual è il colore della maglia e come funziona la “gara”

La corsa benefica cambia, ma si svolgerà comunque. Percorso "individuale", musei gratis e prenotazioni online: ecco tutte le novità della 18esima edizione

Quando e dove si vota per il ballottaggio delle comunali 2020

Chi può votare, com'è fatta la scheda, quando e perché è previsto il secondo turno per scegliere il sindaco: i dubbi più comuni sulla seconda tornata elettorale

Libri scolastici con lo sconto: da Amazon alla Coop, come risparmiare

C'è chi sceglie l'usato (e spende la metà) e chi si affida al supermercato o ai siti internet con prezzi tagliati del 15% e promozioni, dai buoni ai punti spesa. La guida al risparmio per i libri di testo