Sms di sostegno a un candidato delle primarie mandati dal telefono di servizio: arriva la precisazione dell’assessore coinvolto nell’episodio, ovvero Riccardo Nencini. “Gli sms che ho inviato ieri a sostegno di un candidato delle primarie dal cellulare di servizio saranno pagati da me e non dall’Amministrazione”, precisa l’assessore all’organizzazione del Comune, replicando così a quanto pubblicato oggi su alcuni quotidiani cittadini.

A questo proposito, l’assessore ieri ha infatti scritto una lettera indirizzata alla sezione “gestione impianti telecomunicazione” dei Servizi tecnici chiedendo appunto l’addebito di questi messaggi. “Il sottoscritto Riccardo Nencini, assessore di questo Comune, dotato da parte dell’Amministrazione comunale di telefono cellulare – recita la lettera firmata da Nencini – chiede che gli Sms, partiti da suddetto cellulare in data 4 febbraio 2009 dalle 13 alle 15, vengano a lui personalmente addebitati”.