Home Sezioni Cronaca & Politica Nuovi dehors, i progetti

Nuovi dehors, i progetti

Nuovi dehors in piazza della Signoria e in piazza della Repubblica: presentati i progetti realizzati dagli studi di architetti e commissionati da sette esercizi commerciali “storici”. Ecco le novità introdotte.

[]

[]

Il nuovo Piano Comunale per l’occupazione del suolo pubblico per il ristoro all’aperto che regolamenta i cosiddetti “dehors”, cioè i gazebo, gli ombrelloni, le tende e le strutture semirigide è stato presentato dall’assessore alle attività produttive a novembre dello scorso anno e approvato un mese dopo dal Consiglio Comunale. Tra le novità che sono state introdotte per armonizzare le strutture esterne, eliminare gli abusivismi e il degrado così che tutta la città ne possa beneficiare, c’è anche la possibilità per i privati, per piazze di particolare pregio storico ed artistico, di presentare progetti unitari che, se approvati dall’Amministrazione Comunale e dalla Soprintendenza, diventeranno obbligatori anche per gli altri esercizi commerciali operanti nello stesso “ambito unitario”.

Questa è la premessa che ha portato alla realizzazione di un progetto ad hoc eseguito da due studi di architetti e commissionato da sette esercizi commerciali situati in piazza della Signoria e in piazza della Repubblica. “Hanno diritto ad ottenere l’occupazione di suolo pubblico per posizionare i dehors gli esercizi commerciali che effettuano somministrazione e questo è il discrimine, altrimenti tutta la città sarebbe ricoperta da tavolini. Prevedere un progetto unitario per questi ambiti permette anche di avere spazi più ampi, altrimenti la profondità dei dehors è al massimo di sei metri. Il termine ultimo entro il quale gli esercizi commerciali con occupazione di spazi esterni devono adeguarsi al nuovo regolamento è il prossimo 15 novembre” ha spiegato l’assessore alle attività produttive che stamani ha presentato i nuovi progetti per i dehors insieme agli architetti che li hanno realizzati.

In particolare, il progetto realizzato dallo studio dell’architetto Daniele Mucci riguarda il caffè Revoir, il Perseo, il ristorante Castelvecchi, il caffè Paskowski, il caffè Gilli e il progetto a cura dello studio dell’architetto Fabrizio Gola è stato commissionato dal caffè le Giubbe Rosse e dal caffè Donnini. I progetti hanno tenuto conto dell’impatto storico nel quale i dehors devono essere collocati e quindi presentano alcune, significative, differenze. Entrambe sono strutture trasparenti realizzate in cristallo, con la possibilità di aprirsi e di chiudersi a seconda della stagione, dotate di impianto di riscaldamento e di illuminazione innovativa realizzata con i led inseriti direttamente nella struttura portante che permetteranno anche la creazione di zone più o meno illuminate.

[]

Si differenziano nei seguenti punti: il progetto che riguarda i dehors in piazza della Signoria prevede una leggera copertura con tendaggi color ruggine mentre quello per i dehors in piazza della Repubblica indica una copertura in vetro trattato e la presenza di colonne in ghisa per richiamare quelle già presenti nella piazza in stile ottocentesco. Diverse saranno anche le due pavimentazioni dei dehors per cercare di uniformarsi con l’attuale lastricato delle piazze. “Per quello che riguarda le sedute – ha sottolineato la soprintendente Paola Grifoni – è necessario che siano tavolini e sedute da esterno: è importante che non diventino salotti all’aperto perché questo non sarebbe naturale”. Grazie alla legge Bersani è possibile, per gli esercenti, ottenere finanziamenti pubblici destinati anche a progetti di adeguamento ai regolamenti comunali (tipo, appunto, quello di cui stiamo parlando dei dehors). Per il momento, i finanziamenti riguardano solo particolari zone della città che furono definite a “sofferenza economica”. Ne fanno parte l’Oltrarno, piazza Tasso, piazza Santo Spirito, San Pierino, Sant’Ambrogio. I contributi sono utilizzabili per il rifacimento degli interni ma anche della parte esterna del’esercizio commerciale. Ogni richiesta non può superare i 30.000 euro: metà sarà a fondo perduto e l’altra metà dovrà essere restituita a tassi di interesse agevolati. Ricordiamo che i cosiddetti “ambiti unitari” individuati in città riguardano: piazza Duomo, piazza del Mercato Centrale, piazza della Repubblica, piazza Santa Croce, piazza Santa Maria Novella, piazza Santo Spirito, piazza Signoria, via Vacchereccia.

In altre zone, invece, è stato stabilito il divieto assoluto di posizionare dehors di qualsiasi tipo. Si tratta di Borgo Albizi, piazza Antinori, piazza dei Frescobaldi, dei Rucellai, piazza Santa Trinita, piazzale degli Uffizi, Ponte Vecchio, via dell’Agnolo, via Calimala, via Calzaiuoli, via del Corso, via Guicciardini, via Maggio, via Martelli, Por Santa Maria, via del Proconsolo, via Roma, via degli Speziali, via Strozzi, via Tornabuoni e via della Vigna Nuova.

[]

Ultime notizie

Bonus computer 2020: 500 euro per pc e internet, come richiederlo

Un buono da 500 euro riservato ai redditi bassi per pc, tablet e connessione internet a banda larga: come funziona il bonus computer e quando arriva

Oggi il discorso di Conte sull’ultimo decreto, dove vederlo in diretta tv

Il presidente del Consiglio arriva al Senato e alla Camera per riferire sulle restrizioni previste dall'ultimo Dpcm di ottobre, intanto circolano ipotesi su un nuovo decreto. Ecco dove seguire l'intervento

Quando esce il nuovo Dpcm di ottobre: dagli spostamenti tra regioni al coprifuoco

C'è l'ipotesi di un nuovo decreto del presidente del Consiglio Conte sull'emergenza Covid: allo studio ulteriori restrizioni. Quando esce ed entra in vigore il terzo Dpcm di ottobre

La nuova giunta regionale toscana: gli assessori di Giani, i nomi

Il neo governatore Eugenio Giani annuncia gran parte della sua squadra: l'ottavo nome per la giunta arriverà tra pochi giorni. Eletto anche il presidente del Consiglio regionale