lunedì, 21 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Nuovi stili di vita, un...

Nuovi stili di vita, un progetto

presentazione del progetto "Ricomincio da me! Percorsi per il cambiamento degli stili di vita".

-

“Una bella sfida per la città di Firenze”. Così l’assessore alla partecipazione democratica ed ai nuovi stili di vita e consumo critico Cristina Bevilacqua ha definito il progetto “Ricomincio da me! Percorsi per il cambiamento degli stili di vita”.

Il comune di Firenze, in collaborazione con Legambiente, Aiab, Il Villagio dei Popoli e Manitese Firenze e con la partecipazione del Centro servizi volontariato Toscana (Cesvot), ha deciso di accompagnare 600 famiglie in un percorso alla scoperta di nuovi stili di vita, all’insegna della riduzione degli sprechi e ad un uso più equo, rispettoso e responsabile delle risorse del pianeta.

“Ricomincio da me –ha continuato l’assessore Bevilacqua – significa una possibilità di cambia memento per i singoli”.

“E’ un bel traguardo che abbiamo raggiunto – ha sottolineato con soddisfazione Enrico Pezza de Il Villaggio dei Popoli – noi viviamo in un mondo in giusto, socialmente e ambientalmente, un mondo triste, a causa dello stress della vita quotidiana. Ci fanno credere che per essere felici sia necessario consumare sempre di più, ma in realtà si aumenta lo stress, il consumo non è una soluzione al problema, ma anzi è un peggioramento del nostro modo di vivere”.

“Una vita felice – continua Pezza – si può raggiungere consumando di meno, una vita felice spendendo meno è possibile. Le parola sobrietà fa rima con sobrietà”.

I partecipanti, tutti volontari, saranno organizzati in gruppi di quartiere, non più di 20 nuclei familiari a gruppo, e potranno partecipare non solo ai nove incontri programmati per lo scambio e la condivisione di buone pratiche sulle otto tematiche del progetto ( risparmio energetico e dell’acqua, mobilità, rifiuti, alimentazione, consumo critico, turismo responsabile e finanza etica), ma anche ai laboratori pratici ed agli incontri tematici di approfondimento organizzati a livello cittadino.

Per tutta la durata del progetto (sei mesi, da ottobre 2008 a marzo 2009), i gruppi saranno coordinati da un tutor che avrà il compito sia di dare informazione e sensibilizzare le famiglie sulle tematiche oggetto del percorso che di condurre il lavoro di gruppo. “Il progetto nasce con lo scopo di contrastare la logica dell’usa e getta” ha spiegato Caterina Betti, coordinatore generale dell’iniziatiava

Ad oggi le famiglie che hanno aderito al progetto sono oltre 400 per un totale di circa 800 persone, ma le iscrizioni sono ancora aperte. Come ha sottolineato l’assessore Bevilacqua, i nuclei familiari che hanno deciso di prendere parte all’iniziativa sono estremamente eterogenei, si va dalle famiglie composte da un solo membro (circa 200) a nuclei che arrivano anche a sei persone. La maggior parte delle persone che hanno aderito all’iniziativa sono dipendenti a tempo indeterminato (circa 300), ma non sono mancati gli studenti (151 persone) ed i lavoratori autonomi (circa 100). Solo 47 i pensionati che hanno aderito al progetto.


Per iscriversi è necessaria la compilazione dell’apposita scheda presso lo Sportello Eco Equo in via dell’Agnolo 1c, tel. 055.587706, fax 055. 5058787, oppure accedendo al sito www.ricominciodame.com

Notizia precedenteScoperto ostello abusivo
Notizia successivaNozze di convenienza

Ultime notizie

Elezioni regionali Toscana 2020: affluenza al 36,29% alle ore 19

I dati sull'affluenza alle urne alle ore 19 del 20 settembre per le elezioni regionali 2020 della Toscana

Fiorentina-Torino, le immagini della gara

Biraghi, Castrovilli e Chiesa i migliori in campo

Referendum 2020: affluenza al 29,71% alle ore 19

I dati sull'affluenza al referendum 2020 sul taglio dei parlamentari: alle ore 19 del 20 settembre ha votato il 29,71%