giovedì, 23 Gennaio 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Oggi la fine del “Big...

Oggi la fine del “Big bang” / VIDEO

Giornata finale per il ''Big bang'' di Renzi. Questa mattina alla Leopolda si chiude l'appuntamento fiorentino degli ex rottamatori del Pd, che ieri ha visto quasi 8mila persone registrate.

-

Giornata finale per il ”Big bang” di Renzi. Questa mattina alla Leopolda si chiude l’appuntamento fiorentino degli ex rottamatori del Pd, che ieri ha visto quasi 8mila persone registrate, oltre 50mila utenti che hanno seguito la diretta via web.

SABATO. Ieri la giornata era cominciata in mattinata con la protesta degli autisti dell’Ataf e dei lavoratori del Maggio, e continuata poi con la presenza a sorpresa di Pippo Civati.

CIVATI. E proprio sul rapporto tra lui e Civati, e sulla partecipazione di quest’ultimo all’appuntamento della Leopolda, il sindaco di Firenze è intervenuto ieri pomeriggio: “Il problema non è il rapporto tra me e Pippo – ha detto – sono contento che sia venuto, è bene che sia venuto, ma sono intervenuti anche molti altri personaggi importanti, ci vuole il senso della proporzione, è bene che siano venute tantissime persone”.

UNDICIMILA EURO. Anche sulla partecipazione “attiva” del pubblico Renzi ha voluto soffermarsi: “Undicimila euro incassati qui oggi tra le magliette e i contenuti: abolire il finanziamento pubblico ai partiti è possibile. E poi il bello deve ancora venire”, ha continuato il sindaco.

 

{youtube}7UYRBlTYe-I{/youtube}

 

BERSANI E VENDOLA. Renzi è intervenuto anche sulla “questione generazionale”, dopo che Vendola lo aveva definito “molto più vecchio culturalmente e politicamente” di lui e di Bersani, oltre che “simpatico ma con una cultura politica essenzialmente di destra”. “Noi non facciamo una contrapposizione tra giovani e vecchi – ha commentato – noi diciamo soltanto che chi è in parlamento da 25 anni, e dunque ha già dato quello che doveva dare, deve abituarsi a lasciare il posto ad altri”. “Noi non poniamo un problema semplicemente anagrafico – ha aggiunto Renzi – noi poniamo un problema di sguardo nuovo, qui ci sono persone che credono in una politica diversa”.

“Da Bersani ci aspettiamo delle risposte, se vorrà, sui contenuti che proporremo”, ha spiegato Renzi. Che poi è intervenuto anche sulle parole di Vendola: “Non sono nemmeno simpatico… – ha scherzato – rispetto Nichi, ma è una discussione che probabilmente si basa sulle agenzie e non su quello che è successo qui. Se questa roba è vecchia, culturalmente indietro non so, probabilmente è giovane levare la fiducia al governo Prodi e mandare a casa l’esperienza del governo Prodi, cosa che hanno fatto Nichi e i suoi causando la prima crisi del centrosinistra”.

PRIMARIE. Su una sua possibile corsa alla leadership Renzi ha tagliato corto: “Non sappiamo quando, non sappiamo come, non ci hanno spiegato i tempi e le regole, non sappiamo cosa farà Berlusconi, non sappiamo niente… credo che sappiamo – ha aggiunto il sindaco – che alla Leopolda si sono riunite tante persone che vogliono che il Pd vinca e convinca, io se fossi il segretario del partito non sottovaluterei questa esperienza, non parlerei di calci, non parlerei di giovani contro vecchi. L’anno scorso abbiamo fatto la rottamazione, dopo un anno possiamo dire che sulla rottamazione ci sono tutti, anzi noi siamo i più moderati. Ora noi abbiamo deciso di spostarci sui contenuti”.

CROZZA. Ieri pomeriggio sul maxischermo della Leopolda è stata proiettata l’imitazione di Renzi fatta da Crozza a Italialand, con tanto di “orsetto vicesindaco”: tante risate in sala. Ed oggi si continua.

- Pubblicità -

Ultimi articoli

Carnevale Viareggio 2020: date, eventi e prezzi dei biglietti

Dai temi dei carri ai fuochi d'artificio, dagli orari delle sfilate alla mappa dell'evento: guida alla 147esima edizione del carnevale viareggino

Severgnini si racconta al Teatro Puccini

L’editorialista porta il suo “Diario sentimentale di un giornalista” a Firenze: ed è subito messinscena

Tramvia, linea 3.2: “Solo un terzo del percorso con i pali”

Intervistato da Lady Radio, il sindaco Dario Nardella fa il punto sui lavori per le nuove linee e anche sulla tecnologia che permetterà ai tram di viaggiare, in alcuni tratti, a batteria

La scuola al cinema: l’Istituto Marco Polo di Firenze in un film

Ci si resta anche al pomeriggio, si impara con metodi all’avanguardia e la parola d’ordine è “accoglienza”. Una scuola strana, l’Istituto Marco Polo. Che ora diventa un film
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Utilizziamo i cookie per offrirvi una migliore esperienza online, analizzare il traffico del sito e personalizzare i contenuti. Dando il vostro consenso, ne accettate l'uso in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi